1/2005 document 10.10.2018


Rispeando la tradizione che vuoleHEIDENHAIN come fornitoreindiscusso di prodoi aelevatocontenuto tecnologico, anchequest'anno in occasione della fieraEMO di Hannover, HEIDENHAIN harinnovato la gamma dei visualizzatori di quote edei sistemi di misura aessi legati.i interessante analizzare pii da vicino queste nuove apparecchiature, dato che possono avere un ampio campodi impiego. Ivisualizzatori di quote HEIDENHAINvengono infai impiegatiabitualmente nelle applicazioni standard di fresatura, foratura e tornitura; meno conosciuto, ma ugualmente di successo, ie poi l'impiego su altre macchine utensili, strumenti di prova, dispositivi dimisura emacchine speciali eingenere su qualunque impianto che prevede la traslazione manuale degliassi macchina.Sistemi di misura precisi eaffidabilicome quelli HEIDENHAINgarantiscono accuratezza nelle misurazioni econtribuiscono in modo determinante afornire soluzioni adeguate alle esigenze di produzione. Tra le noviti presentate in EMO spiccano: il nuovissimo sistema dimisura LS 388 con integratal'ultima tecnologia breveata da HEIDENHAIN per la scansione singola dei segnali; il POSITIP 880, il visualizzatore che prenderi ilposto del POSITIP 850, echespinge ancora una volta versol'alto il riferimento per ivisualizzatori di quote; e, infine, il visualizzatore universale ND 780, la cui peculiariti principale ie la possibiliti di essere impiegato sia su torni che su fresatrici, avendo sempre un software dedicato perogni impiego (softwareprecaricato La LS 388C sostituisce LS 303CIl nuovo sistema di misura LS 388C prenderi gradatamente il posto etemporizzazioni, ma le funzionaliti aiunte sono davvero numerose.En Dat2. 2 consente di trasmeere lecosiddee informazioni supplementari insieme al valore di posizione, senza che si debba per questo avviare un polling specifico. Il protocollo dell'interfaccia ie stato quindi estesorispeo aquello di En Dat2. 1, le temporizzazioni sono state migliorate: l'incremento della frequenza di clockLOCK) ie pari a8 MHz ed ieutilizzabile con cavi di trasmissionefino a100 m. L'oimizzazione dell'elaborazione delle informazioni permee la definizione del valore di posizione entro 5 s elaminimizzazione dei tempi morti(Recovery Time) ie compresa tra 1,25 a3,75 s. Icostruori di apparecchiatureeleroniche che desideranodelucidazioni per implementarel'interfaccia En Dat2. 2 si possono rivolgere ai nostri tecnici. HEIDENHAIN, inoltre, per facilitare il passaio aEn Dat2. 2, ha anche siglato un accordoad hoc con la societi MAZe T(www.mazede) eha realizzato un "demo-kit" costituito da una scheda acquisizione dati IK 215, un encoder rotativo multigiro EQN 1387 con relativo cavo eil software demo. HEIDENHAIN P.A.S.S. - Prodoi HEIDENHAIN P.A.S.S. - Prodoi 41 40 Le noviti per isistemi di misura lineari: la neonata LS 388C ei due visualizzatori ND 780 e POSITIP 880. Aumentano le funzioni, l'efficienza ela velociti della lavorazione HEIDENHAIN" SEMPRE UN PASSO AVANTI Sistemi di misura lineari LC 183/LC 483 5 m 0,01 m 3 m 0,005 m Sistemi di misura RCN 226 26 bit angolari RCN 228 28 bit RCN 729/RCN 829 29 bit Trasduori rotativi Oici, monogiro ROECN 425, ECN 1325, ECN 125 25 bit ROECN 10xx/11xx 24 bit Oici, multigiro ROQ, EQN 437, EQN 1337 37 bit ROQ, EQN 10xx/11xx 36 bit Induivi, monogiro ECI 13xx 19 bit ECI 11xx 18 bit Induivi, multigiro EQI 13xx 31 bit EQI 11xx 30 bit Sistemi di misura assoluti Risoluzione Sistemi incrementali Risoluzione Sistemi di misura con segnali in uscita di 1 VPP tramite EIB (Externe Interface Box) interpolazione 14 bit integrata Sopra: Il funzionamento di En Dat2. 2Nella tabella: Panoramica dei sistemi di misura con interfaccia En Dat La noviti dei sistemi di misura HEIDENHAIN ie LS 388C vicissitudini personali in anni cosiagitati, si aiungono ipatemiscientifici legati all'impresa: M chain ie dubbioso sui dati rilevati a Barcellona. Le sue stazioni di misura vengono piivolte distrue, anche perch(C) lapopolazione diffida di questi "agrimensori" scambiandoli per esaori di nuovi tributi. Il primo metro standard ie un po'troppo lungoM chain (e probabilmente non solo lui) aveva davvero sbagliato qualcosa: oi, grazie alle misurazioni satellitari, sappiamo infai che la lunghezza tra il Polo el'Equatore ie esaamente di 10 milioni e2. 290 m. La decimilionesima parte di questa distanza corrisponde a 1,000229 m: il nostro metro, quindi, ie pii corto di 0,229 mm rispeo alla definizione che ne era stata data. Un risultato comunque di tuo rispeo, considerati gli strumenti ele possibiliti tecniche adisposizione dei dueastronomi francesi ele condizioni storico-politiche che accompagnaronola spedizione.In riferimento all'arco di meridiano, che rappresenta soltanto 1041' dei 90 del quadrante del meridiano terrestre, idue direori della spedizione hanno sbagliato la misurazione di appena 270 mcirca sul trao da Dunkerque a Barcellona. Se si pensa che M chain ha cercato per anni di tenere nascosto che la misurazione della latitudine nord di Barcellona era affea da un errore, questo traguardo risulta ancora piidegno di nota. Nel corso della prima Conferenza internazionale delle scienze di Parigi, acui prendono parte scienziati olandesi, danesi, svizzeri, spagnoli eitaliani,vengono presentati ediscussi irisultati raiunti da Delambre eM chain. Si scopre allora chel'eccentriciti della Terra ie maiore di quella presunta fino aquel momento eche la sua superficie non presenta una curvatura uniforme. Non si pui dire quindi che esista alcuna misura traa dalla natura che possa fungere da costante naturale per la lunghezza, in quanto ogni meridiano del pianeta presenta una curvatura diversa edi conseguenza anche una lunghezza differente. Il metro stabilito dai francesi deve quindi essere definito non come la decimilionesima parte della distanza tra Polo Nord ed Equatore, ma come la decimilionesima parte del meridiano terrestre passanteper Parigi. Peraltro, gii nel 1793, prima deltermine della spedizione delmeridiano, era stato introdoo in Francia il sistema decimale eun metro provvisorio, calcolato sulla base delle vecchie misurazioni del meridianoeffeuate da Cassini. Aun metrodovevano quindi corrispondere 443,44 linee. Dopo lunghe discussioni in merito all'eccentriciti ealla linea ideale di un ellissoide di rotazione si era stabilito che 443,296 linee esperimenti per armonizzare pesi emisure", Delambre e M chain simuovono in direzioni diverse.La teoria non presenta particolari complicazioni: se si riesce amisurare la lunghezza di un arco di meridiano (s) ela sua apertura angolare ( I la lunghezza del meridiano pui essere determinata come 360 xs/ I, se si assume una forma circolare del meridiano. L'angolo I pui essere determinato da osservazioni astronomiche, la lunghezza scon il metodo della triangolazione, ben conosciuto aquel tempo: il terreno viene suddiviso in triangoli tra loro adiacenti e, tramite la misura dei lati, degli angoli ela conoscenza delle relazioni esistenti tra questi elementi, si effeua la misurazione del terreno. In questo caso, viene creata sulla carta una triangolazione da Dunkerquea Barcellona che consente dideterminare la lunghezza totale dell'arco di meridiano. Ogni singolo punto di misura doveva essere visibile da almeno altri tre punti: Delambre e M chain utilizzavano aquesto scopo edifici di una certa altezza (spessocampanili delle chiese) ocimemontuose. Dato che lo scopo della spedizione di Delambre e M chain ie proprio quello di definire un'uniti di misura della lunghezza, ie comunque necessario che idue astronomi egli scienziati francesi si accordino su un'uniti dausare come riferimento per lamisurazione dell'arco di meridiano tra Barcellona e Dunkerque: viene sceltala tesa, che oi sappiamocorrispondere a1,83 m. Nell'ambito di queste misurazioni dellelinee base vengono definitil'allineamento lungo una linea ideale, l'altezza ela temperatura. La linea base deve essere il pii possibile pianain modo da non dover apportarecorrezioni in altezza. Tui ilati possono essere calcolati utilizzando misurazioni angolari con la possibiliti di ripetere con la frequenza desiderata queste misurazioni al fine di minimizzare l'errore statistico, correendo per larifrazione della luce araversol'atmosfera ela curvatura dellasuperficie terrestre.Da questa triangolazione Delambre e M chain riescono infine acalcolare la lunghezza del meridiano. Ma aprezzo di quali fatiche Di particolare difficolti ie stata la definizione astronomica dei punti di misura piiseentrionale emeridionale(definizione del grado di latitudine Nord per Dunkerque e Barcellona Per Dunkerque, Delambre determina una latitudine nord di 522'16,66" eper Barcellona M chain definisce una latitudine nord di 4121'45,10". La differenza di 1041' viene stabilita in rapporto alla distanza tra Dunkerque e Barcellona ecalcolata pertriangolazione a90. Si fissa in questo modo la lunghezza del quadrante delmeridiano terrestre. La misurazione che inizialmente doveva durare un solo anno, viene continuamente ostacolata dai tumulti della rivoluzione edalle guerre con l'Inghilterra ela Spagna, eviene conclusa solo dopo see anni. Sia Delambre sia M chain, nel fraempo vengono imprigionati pii volte e restano viime di incidenti. Alle Aperta Mente Aperta Mente 21 20 Deaglio della misura araverso triangolazione del meridiano fra Dunkerque e Barcellona M chain aveva allestito un punto di osservazione nella fortezza sul Mont-Jouy, nelle vicinanze di Barcellona Per le misurazioni, vennero utilizzati icampanili, come ad esempio quello della caedrale di Rodez Il difficile compito di stabilire la nuova uniti di misura venne affidato a Jean-Baptiste-Joseph Delambre (a sinistra) e Pierre-Francois-Andr(C) M chain (a destra) opta per il sistema metrico (a far datadal primo gennaio 1872Una Conferenza internazionale indea a Parigi nel 1872 accerta che il materiale impiegato nel 1799 per il metro campione non ie platino puro, ma presenta impuriti di iridio per il10 Per non modificare il comportamento di dilatazione, il nuovo metro campione deve quindi essere realizzato utilizzando la medesima lega. Si delibera inoltre sulla costituzione di un ente internazionale permanente preposto al controllo degli ulteriori sviluppi del sistema metrico. La prima riunione di quella che verri chiamata la "Convenzioneinternazionale del metro" si svolge a Parigi il 20 maio 1875. I17 stati fondatori si impegnano autilizzare le uniti definite alivello internazionale. Vengono istituiti inoltre il Comitato internazionale dei pesi edelle misure IPM la Conferenza generale dei pesi edelle misure GPM) eil Laboratorio internazionale dei pesi edelle misureIPMPoich(C) ormai il metro ie in uso in quasi tua l'Europa, vengono ben presto fabbricate copie in rame del campione in platino-iridio conservato a Parigi per la distribuzione alle altre nazioni. Ogni stato provvede poi arealizzare righe graduate da utilizzare per le misure eper il confezionamento di prodoi estrumenti sempre pii accurati econcorrenziali. Il metro nel Sistema InternazionaleLa storia del metro continua: nel 1960, durante l'undicesima Conferenza generale dei pesi edelle misure, il metro viene ridefinito come la1.650. 767,73esima parte dellalunghezza d'onda della luce emessa nel vuoto dall'isotopo 86 del kripton al passaio dal livello eleronico 5d 5 al livello eleronico 2p 10 . Nel 1983, poi, si aiunge una nuova definizione che, secondo il desiderio degli illuministi della Rivoluzione francese, mee in relazione l'uniti di misura della lunghezza con una costante naturale, la velociti della luce nel vuoto. Con la nuova definizione, infai, il metro diventa la distanza percorsa dalla luce nel vuoto in un intervallo di tempo di1/299792458 secondi.Dalla Conferenza del 1960 in poi viene ufficialmente riconosciuto il sistema unitario internazionale (SI che individua see uniti di riferimento per le see grandezze fondamentali: " il metro (m) per la lunghezza, " il chilogrammo (k per la massa, " il secondo (s) per il tempo, " l'ampere (A) per l'intensiti di corrente, " il grado kelvin (K) per la temperatura, " la mole (mol) per la quantiti di sostanza, " la candela (cd) per l'intensiti luminosa. Ogni nazione istituisce istituti metrologici responsabili della conservazione ediffusione delle uniti di misura. La globalizzazioneimperante nel campo della scienza, dell'industria edella tecnologia, infai, richiede ormai l'utilizzo da parte di tue le nazioni di un sistema di misura unitario. Dal 1987 l'Unione europea ha costituito EUROMET, organismo con lo scopo di avviare la collaborazione tra gli istituti metrologici nazionali. In Italia, l'organo ufficiale per la metrologia ie l'Istituto di metrologia "Gustavo Colonnei", del Consiglionazionale delle ricerche NR Inparticolare, questo istituto, con sede a Torino, svolge aiviti di ricerca eformazione nell'ambito dellametrologia scientifica, industriale elegale. Icampioni italiani di metro, chilogrammo ekelvin edi alcune uniti di misura derivate (forza, densiti , pressione eportata) sono conservati proprio dall'istituto "Colonnei". Tra le grandi nazioni industrializzate, gli Stati Uniti non hanno ancora adoato ufficialmente il metro comeuniti di lunghezza ma,presumibilmente, si adeguerannopresto anche loro. Fino aquelmomento, la storia del metro non potri considerarsi definitivamente conclusa. L'autore di questo articolo, Rainer Mais, ha rivestito dal 1993 al 2004 la carica di amministratore delegato diHEIDENHAIN MICROPRINT Gmb H(hmp) con sede a Berlino. Durante un viaio in Francia, Mais si ie imbautocasualmente in una targa chesegnalava il meridiano terrestre che si estende dal Polo Nord a Dunkerque, Parigi e Barcellona per arrivare sino all'Equatore. Proprio questo meridiano era stato "misurato" ai tempi della Rivoluzione francese per la definizione del metro. Da qui ie nata l'idea di scrivere questo articolo che ripercorre le complesse eaffascinanti vicende storiche escientifiche che hanno portato alla introduzione della nuova uniti di misura. corrispondevano a1 metro. Il metro provvisorio era stato quindi accorciato di 0,325 mm. Decisamente troppo, visto che alla luce delle odierne misurazioni satellitari, il valore esao sarebbe statodi 443,3975 linee.Resta comunque paradossale che il metro provvisorio si avvicinasse di pii alla misura effeiva di quello stabilito dalla spedizione di Delambre e M chain. Aspedizione conclusa, il 22 giugno 1799,vengono sooposte all'AssembleaCostituente quaro barre in platino disezione quadra, che devonorappresentare il "metro campione". Agli studiosi stranieri viene consegnato un facsimile in ferro, perch(C) ogni paese possa godere della nuova uniti dimisura.Parallelamente vengono ridefinite, oltre alla misura lineare, la misura di superficie edi capaciti , come pure la misura del volume dei liquidi ela misura della massa: 1 kg ie quindi la massa di 1 dm 3 di acqua pura auna temperatura di 4 Questo chilogrammo campione ie oi ancora l'unica misura archiviata come standard a Parigi. Tue le altre misure unitarie sono state nel fraempo ridefinite efissate sulla base di realicostanti naturali.Il 4 novembre 1800 la Francia adoa il sistema metrico in tuo il paese, bench(C) ancora senza iprefissi auali. Il sogno dell'Illuminismo, di favorire il commercio materiale eintelleuale fra ipopoli con nuovi standard ripuliti dalle vecchie tradizioni localistiche, sembra finalmente avverarsi. Ma come sempre accade con icambiamenti radicali, anche le nuove uniti di misura vengonoaccolte con poco favore dallapopolazione, che deve abbandonare abitudini inveterate senza essere adeguatamente informata del nuovo sistema. Dopo le prime incertezze, il metroconquista il mondoIl sogno generoso della rivoluzione scientifica del metro sembra destinato atrasformarsi in un incubo: la Francia profonda ie nel caos erifiuta il nuovo sistema metrico decimale proprio come ivandeani avevano resistito alla rivoluzione. Einfai ie proprio il figlio predileo della Rivoluzione francese, Napoleone Bonaparte, ad abrogare prima il calendario della Dea Ragione nel 1806, poi il sistema metrico, il 12 febbraio 1812.Passa appena un anno, peri, perch(C) il destino di Napoleone volga al tramonto con la sconfia nella baaglia delle nazioni a Lipsia nel 1813 ela roa diWaterloo nel 1815.La nuova rivoluzione del 1830, che reagisce contro le monarchie restaurate dopo l'avventura napoleonica, riporta il vento della storia afavore del metro: nel 1837, infai, un nuovo governo francese delibera la reintroduzione delsistema metrico afar data dal primo gennaio 1840, con validiti estesa atue le colonie. Le ragioni pratiche della concorrenza commerciale, in uno scenario ormai proieato verso la rivoluzione industriale, si rivela pii forte delle utopie illuministiche nel dare corso alle nuove uniti di misura, peraltro gii adoate apartire dagli anni Venti del secolo in Olanda, Belgio e Lussemburgo. Dalla meti dell'Oocento, l'adozione del metro si espande amacchia d'olio.Nel 1866 il Congresso americano di il suo consenso al sistema metrico, senza tuavia esigerne l'obbligo diimpiego.Nel 1867, in occasione della prima Conferenza geodetica di Berlino, si discute della possibiliti di sostituire il vecchio metro campione di Parigi conun nuovo standard dalle stessedimensioni, in quanto le estremiti risultano rovinate enon era possibile eseguire la misurazione con precisione. Ebench(C) gii si sapesse che la misura definita nel 1799 dai due astronomi francesi non corrisponde esaamentealla decimilionesima parte delquadrante del meridiano terrestre, si decide provvisoriamente di manteneretale campione.L'anno successivo alla Conferenza di Berlino l'Unione doganale tedesca Aperta Mente Aperta Mente 23 22 Alla definizione di metro consegue il sistema unitario internazionale (SI con le see uniti di riferimento:metro (m) per la lunghezza,chilogrammo (k per la massa, secondo (s) per il tempo, ampere (A) per l'intensiti di corrente, grado kelvin (K) per la temperatura, mole (mol) per la quantiti di sostanza, candela (cd) per l'intensiti luminosa Illustrazione della barra di platino-iridio come prototipo del metro edel cilindro come prototipo del chilogrammo Editoriale Scienza, casa editrice per bambini eragazzi specializzata nella divulgazione scientifica, propone ogni anno numerosi libri per l'infanzia e l'adolescenza che hanno il duplice scopo di avvicinare ipii giovani alla scienza edi insegnare loro apensare in modo creativo elogico fin da piccoli, proponendo anche giochi, esperimentieanimazioni.Tra le noviti , idue libri Cosa c'ie soo il leo? di Brita Grandstroem e Mick Manning e Bianca Senzamacchia diLuca Sciortino si rivolgonodireamente ai giovani leori, mescolando informazioni scientifiche corree erigorose avicende eavventure appassionanti eintroducono ibambini ai misteri della geologia e della biologia. Cosa c'ie soo il leo? (Editoriale Scienza, 32 pagine, 10,90 euro di cuiGrandstroem e Manning sono siaautori che illustratori, ie un libro adao a bambini ancora non in eti scolare. i pensato, in particolare, per coloro che hanno paura aguardare cosa c'ie soo il leo nel timore di scoprire qualcosa di misterioso. i la storia di un viaio che, dal pavimento della camera da leo, porta fino al centro della terra,passando per icunicoli dellametropolitana eper le radici degli alberi. Iprotagonisti sono due bambini eil loro gao; le immagini ela grafica particolarmente accaivanti edivertenti fanno amare il libro anche ai pii piccoli, che per la leura vera epropria devono chiedere aiuto amamma epapi . Il testo ie scrio in forma di filastrocca edie accompagnato da numerosisuerimenti di aiviti pratiche per i bambini. Bianca Senzamacchia (Editoriale Scienza, 112 pagine, 9,90 euro invece, opera prima di un giovane scriore italiano, ie dedicata ai bambini dagli oo anni in su che iniziano aporsi domande su come funziona il proprio corpo. Bianca Senzamacchia, infai, ie un globulo bianco del signor Carmelo De Pomis che incontra econosce globuli rossi ovirus terribili eche racconta la sua vita avventurosa all'interno del corpo umano direamente ai giovani leori. Impreziosito dalle illustrazioni di Silvia Vignale, Bianca Senzamacchia ha il merito di avvicinare ibambini alla biologia senza annoiarli, ma facendoli appassionare aquanto accade dentro di noi. Aperta Mente Aperta Mente - LE RECENSIONI DI HEIDENHAIN info 25 Quando alla fine degli anni Cinquanta si parlava del De Revolutionibus orbium coelestium di Niccoli Copernico "" che per la storia della scienza ie il padre della ipotesi eliocentrica "" ci si riferiva al testo cinquecentesco come al "libro chenessuno ha mai leo". Il De Revolutionibus , che ridusse il ruolo della Terra aquello di semplice pianeta in rotazione intorno al Sole, sarebbe infai stato, adea di molti, troppo complesso per essere leo davvero. Ma allora qual ie la storia del De Revolutionibus ? Passi davvero di mano in mano senza che nessuno losfogliasse? La ricerca trentennale di Owen Gingerich, professore diastronomia estoria della scienza a Harvard racconta una vicenda diversa. Gingerich ha infai stanato estudiato le circa 500 copie superstiti della prima edizione (Norimberga, 1543) e della seconda edizione asilea, 1566) del De Revolutionibus , ha dipanato il groviglio di legami tra le persone che hanno posseduto il libro, vi hanno scrio annotazioni ohanno copiato commenti da un volume all'altro, lasciando preziose indicazioni di come sia stato leo erecepito nel periodo del Rinascimento scientifico eanche oltre. Gingerich ha infai potuto consultare le copie appartenute a Keplero, Tycho Brahe e Galilei, ma anche quelle dei reali Giorgio II d'Inghilterra e Filippo II di Spagna. L'autore ha anche ritrovato la copia del filosofo Giordano Bruno (che proprio sull'ipotesi di Copernico costrui la sua teoria dell'Universoinfinito cosi come le copieappartenute al fondatore della scienza economica moderna, Adam Smith, e all'inventore del Welfare State, John Maynard Keynes. Copie appartenentialla prima edizione epertantopreziose: il valore di una copia siaira infai fra i750. 000 eil milione di dollari, mentre una secondaedizione costa circa90. 000 dollari. L'autore possiede due copie della seconda edizione. i nata cosi l'opera Alla ricerca del libro perduto (Rizzoli, 416 pagine, 17 euro punto di arrivo di un progeo iniziato nei primi anni Seanta eterminato solo nel 2002. Alla ricerca del libro perduto non ie un semplice saio sulla teoria eliocentrica copernicana, ma uncomplesso puzzle storico percompletare il quale Gingerich si assume il difficile compito di reperire eincastrare itasselli mancanti, le copie censite del De Revolutionibus ritrovate nelle biblioteche, librerie ecollezioni private di mezzo mondo. Quelle che l'autore reputa le collezioni pii importanti sono a Edimburgo, Liegi, Lipsia, Praga, all'Universiti statunitense di Yale, ma soprauonella biblioteca del Vaticano ein una collezione privata di Vicenza. Il quadro che emerge dal libro di Gingerich non solo evidenzia la grandezza della scoperta di Copernico,ma raiunge anche l'obieivo didimostrare come il De Revolutionibus , seppur scrio in un linguaio streamente tecnico, abbia davvero dato inizio auna profonda rivoluzione, che avrebbe cambiato per sempre la storia della scienza. 24 & PAROLE NUMERI DA LL A GE OLO GI A AL LA BI OLO GI A, LE PR OP OST E DI LE TT UR A PE R I PI i PI OL IC OM UN IC AR E L' IN NOVA ZI ON E PE R AV ER E SU ES SO, UN A LE ZI ON E PE R IL FU TU RO "Innovazione" ie una parola che ricorre sempre pii spesso nel dibaito politico ed economico italiano, forse asegnalare un pericoloso deficit che si tenta di colmare al pii presto. i l'innovazione scientifica etecnologica, infai, arappresentare l'ingrediente principale dellacompetitiviti internazionale.In tui icasi, non si ha un vero cambiamento senza che ci sia anche divulgazione della noviti introdoa. Ecco perch(C) la comunicazione del nuovo diventa un momento cruciale, soprauo nel seore produivo. Questa ie la tesi del libro Comunicare l'innovazione (Il Sole 24 ORE, pa 221, 24 euro acura di Andrea Granelli, con prefazione di Luca Cordero di Montezemolo, primo volume della collana "Innovazione ecompetitiviti ". Secondo Granelli, l'innovazione si distingue dall'invenzione (ao puramente tecnico) per la sua valenza sociale eculturale, oltre che per gli aspei produivi ed economici. Come esplicitato anche dal sootitolo dell'opera, Perch(C) il successo del nuovo dipende dalla capaciti di spiegarlo , la comunicazione ie infai parte integrante dello stesso processo innovativo. Una lezione importante, che dovrebbe essere faa propria da coloro che vogliono affacciarsi consapevolmente alle sfide del futuro edel mercato. STO RI A DI UN LI BR O MA I PE RD UTO La fresatrice ML85, progeata da errari di Mornago (VA si presenta con un montante mobile asse X, con slione verticale asse Ze tavolaindipendente asse Y.Sulla tavola sono concentrati imovimenti rotativi degliassi Ae La macchina riunisce in s(C) iconcei egli obieivi delle lavorazioni ad alta velociti a5 assi continui; iconcei siriassumono con itre valori100. 000, 100 e10 cherappresentano i100. 000 giri del mandrino, i100 m/min di velociti di avanzamento ei 10 m/sec 2 di accelerazione. Questi valori rappresentano l'obieivo finale e, nella misura in cui sono realizzati eresi armonici nel funzionamento della macchina, il grado disoddisfazione del progeo.La ML85 rappresenta sicuramente una svolta nel modo di lavorare nello spazio particolari complessi che necessitano finiture pii spinte senza lucidatura. errari ha scelto i TNC 530, perch(C) garantisce accurate lavorazioni acinque assi mantenendo un'elevata velociti di esecuzione del profilo. Icentri di lavoro della serie MMV Linear Drive prodoi da Emco Famup, di San Quirino (PN hanno montante mobile con motori lineari per gli assi Xe Y. Rappresentano una sensibile evoluzione delle tecniche di movimento: fino a60 m/min di velociti , con una precisione decisamente superiore rispeo alla precedente generazione. Inoltre, il sistema di motori lineari lavora pressoch(C) senza usura. La struura, eancor pii la dinamica, della serie MMV Linear Drive sono state realizzate per la lavorazione di pezzi di dimensioni considerevoli: nelle fasi di sgrossatura questa serie si distingue per l'elevata potenza di asportazione truciolo; nelle lavorazioni di precisione con elevate velociti di avanzamento realizza, grazie ai motori lineari ealla regia del controllo numerico i TNC 530, la massima precisione ela migliore qualiti di superficie. Un nuovo controllo compao ie stato messo poi soo irifleori: il TNC 320, degno successore del famoso TNC 310, eoimale per l'impiego su macchine semplici a3 assi, su alesatrici, foratrici o per il retrofiin Il TNC 320 si avvicina nella concezione enella forma alla categoria superiore dei controllinumerici continui HEIDENHAIN,rendendo ancora pii immediati l'utilizzo el'apprendimento. Una macchina con motori torque ha dimostrato quali livelli di accuratezza nel controllo dei motori si possono oenere con isistemi di misura angolariHEIDENHAIN.Un'altra postazione con una vite a ricircolo di sfere presentava inuovi sistemi di misura lineari LC 483 eLC 183 esviluppava il temadell'accuratezza degli assi di posizionamento. Infine, il nuovo protocollo En Dat2. 2 ie statopresentato in tua la sua potenza: alta velociti di trasmissione dati (clock 8 MHz sicurezza delle informazioni, diagnostica in chiaro earee di memoriaadisposizione per parametri ocompensazioni. HEIDENHAIN ha creato inoltre, in unapposito ambiente, un puntod'incontro per gli studenti. Anche inquesto modo HEIDENHAINcontribuisce alla promozione della meccanica presso le nuove generazioni. Inostri clienti ela qualiti dei prodoiHEIDENHAINHEIDENHAIN non era presente solo al suo stand. Molti costruori di fama ed esperienza mondiale infai hanno scelto i nostri controlli numerici per presentare le loro macchine: in tui ipadiglioni esu tue le tipologie di macchine si potevano scorgere inostri CN. Ci sembra quindi interessante presentare alcune proposte dei costruori italiani (elencati in ordine rigorosamente alfabetico) espiegare la relazione che le lega alle nostre apparecchiature. Punto d'incontro Punto d'incontro 29 28 Allo stand HEIDENHAIN era possibile vedere applicazioni reali i TNC 530 Beloi di Suisio G) ha esposto il centro di lavoro polifunzionale FLA 4018 a5 assi interpolati. La serie FLA consente velociti di taglio edi lavorazione particolarmente alte. In sintesi, la tecnologia costruiva si presenta con una struura cartesiana aponte sospeso, un basamento monoblocco in acciaio aelevato assorbimento delle vibrazioni eguide di ampia sezione. Questa macchina trova il suo impiego ideale in molti seori industriali, in particolar modo nella lavorazione dell'alluminio edelle leghe leere, nella produzione efinitura di stampi, prototipi, modelli, piccole serie, ecc. Molto efficace si rivela il connubio con il controllo numerico i TNC 530 che garantisce sempliciti d'uso eimmediatezza nella programmazione eal tempo stesso esalta le prestazioni di FLA 4018 in termini di accuratezza evelociti . Punto d'incontro Punto d'incontro 31 30 Dopo un biennio di intense ricerche etes P.T. Industrie di Santa Maria di Sala (VE) ha presentato alivello internazionale la nuova fresatrice amontante mobile Ronin. Questa macchina rappresenta un nuovo ed efficace strumento che l'utilizzatore pui impiegare con successo per fronteiare le sfide future. La struura monolitica del montante integra il carro di scorrimento longitudinale, ed ie quindi stato possibile oenere una morfologia ribassata. La gamma di macchine verticali si arricchisce invece con la Stinger, una soluzione originale che prevede un asse di rotazione sulla testa a geometria universale euno sulla tavola girevole; si oiene cosi un campo di lavoro effeivo straordinariamente grande in rapporto alle corsedegli assi.Entrambe le macchine si affidano alle riconosciute doti ealla vocazione internazionaledel controllo numerico i TNC530. Allo stand della Emco Mecof di Belforte Monferrato (AL) era possibile ammirare ilcentro di fresatura Prima1. 3 equipaiato con un controllo HEIDENHAIN i TNC530. La struura della macchina ie per l'asse X monolitica autoportante in acciaio elerosaldato, mentre per gli assi Ye Zie in acciaio saldato estabilizzato elericamente per oenere migliori prestazioni dinamiche e migliore precisione nelle lavorazioni. Su tui gli assi sono stati adoati sistemi di scorrimento del tipo "guide lineari aricircolazione di rulli" che minimizzano la resistenza d'arito oenendo grande precisione di movimento con assenza di gioco anche in presenza di carichi elevati. La motorizzazione prevede motori lineari direi, comandati dalla potente scheda DSP 424, su cui sono montati isistemi di misura assoluti HEIDENHAIN LC 182 Le velociti di rapido raiungono 100 m/min, in lavoro 60 m/min, con accelerazione 1,1 Il gruppo tedesco DMG Deckel Maho Gildemeister si ie presentato alla EMO di Hannover in forza: inuno stand di oltre3. 500 m2 hanno trovato posto pii di cinquanta macchine tra fresatrici, centri di lavoro ecentri di tornitura, tra le quali ben dieci modelli che sono stati presentati in anteprima mondiale. Tra le noviti del seore tornitura spicca la presentazione del tornio CTX410V6 sviluppato dalla Graziano Tortona, di Tortona (AL dotato di contromandrino easse Yed equipaiato con HEIDENHAIN Plus IT con piaaforma DINPlus, che amplia le possibiliti di lavorazione sia di ripresache fuori asse.Questo tornio rende possibile lavorazioni complete ecomplesse di pezzi di medie dimensioni. Accanto alle noviti relative alle macchine non dobbiamo dimenticare le innovative potenzialiti introdoe con la nuova versione della plancia Slim Line dotate di CN con guida utente interaiva esimulazione grafica 3D integrata. La serie di fresatrici Alcor proposte da Globe Trade di Turbigo (MI) garantisce un'estrema maneevolezza epraticiti nell'utilizzo. Al fine di oenere la massima rigiditi eaccuratezza durante le inversioni, le viti degli assi longitudinale etrasversale sono pretensionate, il gruppo mensola asse Zie bilanciato idraulicamente, mentre l'ampia superficie della tavola con ben cinque cave a Tpermee un facile staffaio del pezzo. Hanno struura compaa, realizzatacompletamente in ghisa. La fresatrice 220 CNC pui essere fornita a richiesta con volantini eleronici, montati sulla mensola. Alla EMO, Globe Trade ha esposto due macchine equipaiate con controlli numerici digitali HEIDENHAIN, TNC 310 ei TNC 530, che assicurano la massima precisione negli spostamenti, grazie anche alla leura delle quote effeuata dai sistemi di misura HEIDENHAIN. molto resistenti, prodoe conprocedimenti speciali, DIADUR,SUPRADUR e AURODUR. Tue etre queste tecnologie diproduzione assicurano un'elevata qualiti del segnale, in grado di soddisfare le particolari esigenze dei clienti cheutilizzano imotori direi. Con il procedimento DIADUR le struure in cromo vengono applicate mediante deposizione su un supporto in vetro oacciaio; il procedimentoAURODUR, invece, consente direalizzare nastri in acciaio con graduazione in oro. Il procedimento SUPRADUR, infine, prevede che sia posto uno strato trasparente su uno strato di base rifleente, eche venga poi applicato un ulteriore strato soile di cromo per generare un reticolo. Il metodo SUPRADUR ie quello che permee maiore resistenza alla contaminazione, grazie alle altezze ridoe della struura, che impediscono il deposito di particelle di polvere, sporco oumiditi . Il valore aiunto dei metodi discansione HEIDENHAINUna buona qualiti della graduazione da sola non ie ancora sufficiente agarantire che gli errori di interpolazione siano ridoi al minimo. Molto dipende anche da come funziona la scansione delsegnale.In particolare, il principio di scansione a un seore secondo il quale funzionano i sistemi di misura lineari aperti HEIDENHAIN, con isegnali in uscita che vengono generati sulla base di un solo seore di scansione, ie moltovantaioso. L'ampio seore discansione elo speciale filtraio oico araverso la struura della piastrina di scansione edel fotosensore generano infai segnali in uscita di qualiti costante sull'intera corsa utile. Sono cosi garantiti: G una distorsione minima del segnale, G errori di interpolazione ridoi, G velociti di traslazione elevate, G un'alta qualiti di regolazione per motori direi, G riscaldamento contenuto. Il principio di misura aimmagini, caraeristica della serie LIDA 400Nel principio di misura aimmagini i segnali sono generati secondo una modulazione luce-ombra. Nella pratica, due reticoli graduati con lo stesso passo di divisione (una riga graduata euna piastrina di scansione) si spostano l'unorispeo all"altro. Il fascio di luce parallelo araversa una struura del reticolo riproducendo campi di luce-ombra auna distanza data, dove si trova un controreticolo con lo stesso passo di divisione della riga e della piastrina. La luce incidente puiessere modulata araverso ilmovimento relativo dei due reticoli: se gli spazi si sovrappongono, la luce li araversa, mentre se le linee si sovrappongono aspazi vuoti, si vedesolo un'ombra. Ifotoelementitrasformano poi queste variazioni luminose in segnali elerici. La graduazione appositamente struurata della piastrina di scansione filtra il flusso di luce in modo che isegnali generati inuscita siano sinusoidali. Nella rappresentazione XY sull"oscilloscopio isegnali determinano una figura di Lissajous. In presenza di segnali in uscita ideali si forma un cerchio nella posizione centrale. L'ampiezza del cerchio visibilesull'oscilloscopio corrispondeall"ampiezza dei segnali in uscita epui variare entro un range ben definito, senza che l"accuratezza della misura sia compromessa. Eventuali scostamenti nella forma circolare enella disposizione provocano poi errori di posizione nell"intervallo di un periodo del segnale che influiscono quindi direamente sul risultato di misura, con aumento dellarumorositi eriscaldamentosupplementare del motore. La loa alla contaminazioneTra isistemi di misura, ipii adai al seore eleronico sono quelli aperti. Infai, isistemi di misura aperti funzionano in assenza di arito, non sono incapsulati esono quindi di dimensioni epeso molto ridoi, requisiti importantissimi perl'industria eleronica.La mancanza di incapsulamentopotrebbe peri essere un faorerischioso per la contaminazione del sistema: contaminazioni locali sul supporto di misura (per esempio impronte digitali lasciate durante il montaio odepositi di olio causati dalle guide ecc potrebbero infai influire sull"intensiti luminosa delle componenti del segnale equindi sui segnali di scansione. Per ovviare a questo inconveniente si utilizzano metodi di scansione etecnologie diproduzione speciali.In particolare, HEIDENHAIN propone sistemi di misura lineari aperti aun seore, che utilizzano cioie un soloseore per generare isegnali discansione. In questo caso, isegnali, che variano solo in ampiezza, possonoessere sooposti aun'elevatainterpolazione egli errori rimangonocomunque minimi. L'ampio seore di scansione, inoltre, riduce ulteriormente la sensibiliti allacontaminazione. Isistemi di misura delle serie LIDA 400 e LIF 400, per esempio, hanno una superficie di scansione molto estesa (14,5 mm 2 ) eforniscono segnali di oima qualiti anche in presenza di contaminazioni di 3 mm di diametro. Dopo la scelta, il montaioLa fase di montaio del sistema di misura scelto per il proprio motore ie sempre un momento delicato. Di norma, periodi di segnale moltoridoi implicano tolleranze dimontaio ridoe tra testina di scansione enastro graduato. Il principio di scansione interferenziale della serie LIF 400 e l'innovativo reticolo di scansione della serie LIDA 400 consentonoinvece tolleranze di montaioidonee all'impiego pratico,nonostante iridoi periodi delsegnale. L'ampiezza del segnale varia solo in misura irrilevante nell'arco delle tolleranze di montaio. Un montaio veloce ie cosi assicurato per tui isistemi di misura delle serie LI LIP e LIDA. HEIDENHAIN P.A.S.S. - Applicativi HEIDENHAIN P.A.S.S. - Applicativi 47 46 Comportamento alla contaminazione della serie LIF 400 Sistemi di misura di posizione HEIDENHAIN per motori direi (criteri di scelta): valori massimi degli errori di interpolazione in funzione del periodo del segnale Reticolo di fase DIADUR di circa 0,25 m di altezza Procedimento SUPRADUR: graduazione oica tridimensionale con struura piana Scansione fotoelerica secondo il principio di misura aimmagini con nastro in acciaio escansione aunseore (LIDA400) Sopra: isegnali in uscita dal reticolohanno una forma sinusoidaleSoo: se si rappresentano isegnali su un oscilloscopio si osserva un cerchio in condizioni ideali, un cerchio distorto in caso di errori Applicazione Periodo Errore max Interfaccia Tipo del segnale di interpolazione per massima 0,128 m 0,001 m TTL LIP 372 accuratezza 1 VPP LIP 382 2 m 0,02 m TTL LIP 471 1 VPP LIP 481 4 m 0,04 m TTL LIP 571 1 VPP LIP 581 Gper semplice 4 m 0,04 m TTL LIF 471 montaio Gcon fine corsa e 1 VPP LIF 481 traccia di homing Gper elevata velociti 20 m 0,2 m TTL LIDA 47x di traslazione Gfine corsa 1 VPP LIDA 48x HEIDENHAIN P.A.S.S. - Applicativi HEIDENHAIN P.A.S.S. - Applicativi 49 48 La soluzione HEIDENHAIN per icontrolli analogici: la nuova uniti di alimentazione UV 106B accoppiata con l'uniti logica MC 420 permee di avere un controllo numerico i TNC 530 oun MANUALplus 4110 acondizioni estremamente interessanti CONTROLLI ANALOGICI? Si, EDI LUSSO i opinione comune che icontrolli digitali siano migliori, pii veloci e potenti dei loro predecessori analogici:permeono infai un grado diprecisione maiore euna regolazione estremamente accurata. Inoltre, le grandi possibiliti di diagnostica offerte dai controlli digitali non sono assolutamente comparabili con quelle dei sistemi analogici, che per loro natura hanno una visione limitatadell'intero sistema, con pochepossibiliti d'intervento per correere eventuali errori. In pratica, un controllo analogico non ie in grado di controllarecosa accade fuori dal CN. La superioriti del controllo digitale non pui che essere riconosciuta da tui, ma ie importante ricordareanche che vi sono alcuneapplicazioni ecircostanze per le quali il controllo analogico ie ancora la miglior soluzione. Quando preferire l'analogico al digitaleSi pensi per esempio al classico retrofit: in fase di revisione di una macchina utensile, per contenere icosti, spesso si decide di riutilizzare imotori egli azionamenti presenti edi cambiare soltanto l'eleronica di regolazione e comando. In casi come questo, l'unica soluzione ie utilizzare un buon controllo numerico analogico. Anche per macchine utensili di nuova costruzione che siano state progeate per essere comandate da un sistema controllo/azionamento analogici, sia per considerazioni tecniche di "prestazioni aese" che per valutazioni economiche, ie richiesto un controllo numerico analogico di elevate prestazioni aun costo contenuto. La scelta di HEIDENHAIN: inuovicontrolli analogiciPer le ragioni appena spiegate, HEIDENHAIN non ha abbandonato la ricerca elo sviluppo dei controlli analogici, epresenta due nuovi prodoi: un i TNC 530, il top dei nostri controlli, con le stesse caraeristiche di qualiti ,prestazioni efaciliti d'usouniversalmente riconosciuti nella configurazione digitale ma, questa volta, in versione puramente analogica. i infai ora disponibile un controllonumerico composto unicamentedall'uniti logica MC 420, oppure, ascelta, dalla pii potente ma ugualmente interessante nel prezzo MC 422 edall'uniti di alimentazione UV 106 Non ie pii necessaria la scheda di regolazione DSP (Digital Signal Processin 422 equindi icosti siabbassano notevolmente.L'uniti di regolazione UV 106B ie in grado infai di alimentare anche il MANUALplus 4110, permeendo quindi di oenere la sua versione analogica, adaa al montaio sui torni. MC 420 o MC 422B Una volta che si ie deciso di utilizzare l'uniti di regolazione UV 106 ie poi necessario scegliere tra MC 420 e MC 422 Come risulta evidente dalla tabella riportata, la MC 420 ie il "main computer" nella versione pensata espressamente per macchine con un numero limitato di assi (in genere itre assi principali X, Ye Ze un asse ausiliario,sia esso PLC o N pii mandrinocontrollato in posizione La MC 420 dispone infai di cinque ingressi di posizione 11 A / 1 VPP / En Dat edi default non sono aive le opzioni software per la lavorazione acinque assi el'interpolazione cilindrica. Se si ha bisogno di qualche asse in pii edi tue le funzionaliti disponibili per la lavorazione acinque assi continui, la scelta deve invece spostarsi sulla MC 422 che gii reduce da migliaia di applicazioni nel mondo, in accoppiata con la nuova UV 106 si presenta come il controllo numerico analogico nella sua massima espressione. Su entrambe le MC ie comunque installata di serie la famiglia software 340 490-xx con il nuovo modo operativo smar T.N lo stesso dei controlli digitali. Da questo punto di vista, quindi, non ci sono differenze: si sta pur sempre parlando di un i TNC 530! Anche nel mondo della tornitura si applica un discorso simile: esiste gii ,ed ie molto apprezzato, il MANUALplus 4110 nella versione digitale; con l'introduzione dell'uniti dialimentazione UV 106 il MANUALplus 4110 analogico risultacompetitivo anche nel prezzo.Il main computer utilizzabile ieunicamente la MC420. In questo caso, non esiste la possibiliti di utilizzare l'MC 422B perch(C) non avrebbe senso farlo: per itorni, infai, cinque ingressi di posizione sono comunque sufficienti per coprire la massima configurazione possibile. Differenze di prestazioni tra MC 420 e MC 422B Caraeristiche di MANUALplus 4110 nella versione analogica L'i TNC 530 pui funzionare sia con con- trolli digitali che con controlli analogici MANUALplus 4110 per itorni esiste sia in versione digitale che analogica i TNC 530 Schermo TFT piao da 15": 150 Ingressi di posizione MC 422B: 5 o10 11 A / 1 VPP / En Dat MC 420: 5 11 A / 1 VPP / En Dat Assi aivabili MC 422B: base 4; max 10 (9 con mandrino controllato) MC 420: base 4; max 5 (4 con mandrino controllato) Mandrino max 100. 000 rpm controllabile (M19 gamme: max 8 Uscite di riferimento MC 422B: max 11 analogiche 10 VMC 420: max 6 Circuito di regolazione selezionabile tra servo lag efeed forward tempo di ciclo 1,8 ms Tempo di elaborazione MC 422B: 0,5 ms blocco MC 420: 3,6 ms (opzione 0,5 ms) Interpolazione lineare MC 422B: 5 assi MC 420: 4 assi (opzione 5 asse) Interpolazione circolare MC 422B: 3 assi MC 420: 2 assi (opzione 3 asse) Interpolazione cilindrica MC 422B: di serie MC 420: opzione Funzioni a5 assi 3D-Rot MC 422B: di serie MC 420: opzione MANUALplus 4110 Schermo epannello TFT piao da 10,4" con tastiera integrata: T121G di comando Ingressi di posizione 5 11 A / 1V PP / En Dat Assi aivabili base 3; opzione asse utensile motorizzato Mandrino max 100. 000 rpm controllabile (M19) Uscite di riferimento MC 420: max 6 analogiche 10 VCircuito di regolazione selezionabile tra servo lag efeed forward tempo di ciclo 6 ms Tempo di elaborazione 3 ms blocco Interpolazione lineare 2 assi Interpolazione circolare 2 assi Interpolazione asse Ccon idue assi lineari massima sicurezza per l'operatore ela macchina quando vieneprefigurato il rischio di unacollisione.Numerosi sono ivantai che neconseguono. Innanzi tuo, unamancata collisione si traduce anche in un danno evitato ai macchinari. Si diminuiscono cosi drasticamente le fermate improduive dovute alle collisioni. Una funzionaliti davvero moltoversatileIl controllo anticollisione pui essere utilizzato nella modaliti automatica dell'i TN durante lo svolgimento di un programma in modaliti di esecuzione singola, onelle modaliti manuali. Se infai nel corso dell'allestimento del pezzo l'operatore si trova sul "percorso di collisione" con un elemento nell'area di lavoro, il controllo i TNC 530 identifica il pericolo earresta il movimento degli assi con un messaio di allarme odi errore. In concreto, il controllo numerico notifica all'operatore quali sono i componenti della macchina soei al pericolo di collisione. Sono previsti tre livelli di segnalazione del pericolo di collisione, in funzione della distanza tra idue elementi dell'area di lavoro: il preallarme, l'allarme el'errore.Il preallarme viene aivato quando duecomponenti della macchina siavvicinano ameno di 14 mm; l'allarme quando due componenti della macchina si avvicinano ameno di 8 mm; il messaio di errore quando due componenti della macchina siavvicinano ameno di 2 mm. Il preallarme el'allarme possono essere riconosciuti eignorati dall'operatore e gli assi possono poi essere comunque traslati con controllo manuale oautomatico. Alla comparsa delmessaio di errore, invece, la funzioneDCM deve essere disaivata perprocedere nel movimento. Soltanto in seguito sari possibile eliminare il rischio di collisione ospostare gli assi dall'area di pericolo. DCM, una soluzione che tuipossono adoareUtilizzare il controllo anticollisione dinamico DCM ie molto semplice: ie sufficiente che il costruore della macchina memorizzi nel controllo numerico dati geometrici ecinematicidi tui icomponenti.L'area di lavoro egli oei di collisionevengono descrii tramite corpigeometrici quali piani, quadrati e cilindri. Naturalmente possono essere modellati anche componenti complessi combinando diversi corpi geometrici. L'utensile viene automaticamente considerato un cilindro con raio pari aquello dell'utensile. Modellizzazione dei componenti macchina (in alto) esituazione reale (sopra) Oi pii che mai le macchine utensili sono sempre pii veloci: l'accelerazione ela velociti di traslazione aumentano continuamente. Per esempio, in rapido a60 m/min, in un solo secondo l'asse si ie gii spostato di 1 m. Il controllo che aiuta l'operatore aevitare guaiAlla EMO 2005 di Hannover HEIDENHAIN ha presentato una nuova funzionaliti dell'i TNC 530: il controllo anticollisione dinamico DCM. In pratica, con DCM l'area di lavoro dellamacchina viene monitorataciclicamente per evitare possibili collisioni tra icomponenti. Anche il migliore degli operatori, infai, non potrebbe avere iriflessi tanto pronti da arrestare in tempo la macchina con il pulsante d'emergenza ed evitare cosi una pericolosa collisione. In alcuni casi, poi, per esempio nella produzione di stampi complessi con lavorazione a cinque assi, imovimenti degli assi sono addiriura imprevedibili. Iprogrammi NC generati con sistemi CAM sono gii in grado di evitare collisioni tra utensile omandrino eil pezzo, ma non tengono di norma conto dei componenti della macchina presenti nell'area di lavoro. Anche con una simulazione esterna non si pui essere certi che le condizioni reali della macchina (per esempio la posizione di serraio) siano state simulate con precisione. Il controllo dinamico delle collisioni dell'i TN invece, interrompe la lavorazione agaranzia della HEIDENHAIN P.A.S.S. - Applicativi HEIDENHAIN P.A.S.S. - Applicativi 51 50 Messaio di errore di possibile collisione L'i TNC 530 HEIDENHAIN consente di aivare il nuovo DCM, il controllo anticollisione dinamico, che vigila sui correi spostamenti degli assi edella macchina, monitorando ciclicamente l'area di lavoro PERICOLO DI COLLISIONE TRA ICOMPONENTI MAHINA? CON DCM POTETE NON PENSARCI PIi Alla EMO 2005 diHannover HEIDENHAINha presentato una nuovafunzionaliti dell'i TNC 530:il controllo anticollisionedinamico DCM. In pratica,con DCM l'area di lavorodella macchina vienemonitorata ciclicamenteper evitare possibilicollisioni tra icomponenti. Anche ilmigliore degli operatori,infai, non potrebbeavere iriflessi tantopronti da arrestare intempo la macchina con ilpulsante d'emergenza edevitare cosi una pericolosa collisione. Alla comparsa del messaio di errore, la funzione DCM deve essere disaivata per procedere nel movimento. Soltanto in seguito sari possibile eliminare il rischio di collisione ospostare gli assi dall'area di pericolo. Alla EMO 2005 di Hannover, oltre ai sistemi di misura eai controlli numericicon il nuovo protocollo En Dat2. 2, HEIDENHAIN ha presentato il nuovo sistema di diagnostica etaratura dei sistemi di misura assoluti lineari e rotativi: si traa della scheda ainterfaccia PCI bus Rev2. 1 denominata IK 215 edel relativo software ATS (Adjusting and testingsoftware Molteplici funzioniTra le principali funzioni del nuovo paccheo diagnostico, quella principale ie la visualizzazione dei dati di posizione, assoluti eincrementali, edello stato degli errori. Questa funzionaliti viene utilizzata per la verifica del correo montaio del sistema oper il suo controllo dopoun'aiviti di manutenzione.Errati allineamenti oproblemi di alimentazione possono generare degli stati di errore nell'eleronica dei sistemi di misura: una volta individuata ed eliminata l'origine di tali errori, questi devono essere "reseati" perch(C) sia ripristinato il correo funzionamento. In IK 215 ie stata prevista un'apposita funzione direset degli errori.Spesso ie necessario poi personalizzare ipropri sistemi di misura lineare: la nuova IK 215 permee alcostruore di leere equindi di memorizzare una serie di parametri identificativi per ogni macchina,descrivendo alcuni aspei delle funzioni "di quella specifica riga su quella specifica macchina". Nel caso degli encoder rotativi della serie ECI/EQI 1100/1300, diventa possibile tarare in modo appropriato isegnali in fase di montaio deimotori. Questi encoder sonoparticolari perch(C) il rotore elo statore sono forniti separatamente evengono accoppiati in fase di montaio. Isistemi di misura assoluti ora si possono controllare anche in"loop chiuso"Mentre tue le funzioni precedenti erano almeno parzialmente garantiteanche dal vecchio sistema didiagnostica IK 115, la noviti di IK 215 ie la possibiliti di realizzare la verificaon line dei sistemi di misuraassoluti, grazie anche all'utilizzo diun apposito adaore, l'SA100. La verifica in "loop chiuso" ie fondamentale per l'aiviti di service sulle macchine utensili: ie infai una funzionaliti gii conosciuta eapprezzata anche per le righeincrementali in abbinamento all'utilizzo del PWM 8/ PWM 9, ma che fino a oi non era applicabile ai sistemi di misura assoluti. HEIDENHAIN P.A.S.S. - Service 53 52 HEIDENHAIN P.A.S.S. - Service Schermata principale del software ATS Sopra: schermata di verifica dei sistemi di misura HEIDENHAIN presenta un nuovo paccheo diagnostico che permee la visualizzazione dei dati di posizione, la leura ela scriura dei parametri memorizzati, la taratura ela verifica dei sistemi di misura assoluti LA DIAGNOSTICA DEI SISTEMI ASSOLUTI: IMPARIAMO A CONOSCERE IK 215 EATS Scheda IK 215 Caraeristiche tecniche di IK 215 Segnali di ingresso En Dat2. 1 o En Dat2. 2 (valore assoluto esegnali incrementali) Interfaccia PCI bus Rev 2. 1 Requisiti di sistema GPC IBM o PC compatibile al 100% con frequenza di clock >1 GHz Gsistema operativo: Windows 2000/XP (per software ATS) Gcirca 20 MB di memoria libera Divisione del segnale risoluzione fino ax65.536 Dimensioni 100 mm x190 mm Adestra: SA 100, Service Adapter 27 Reportage EMO 2005: proposte eprospeive Segnalazioni 54 La nostra vetrina web sirinnova: basta cliccare suwww.heidenhain.it per scoprire come 55 Ascuola con HEIDENHAIN,una proposta flessibile aognivostra necessiti Ri vi st a di al ta te cn ol og ia e op in io ni a co nf ro nt o1 / 2 0 0 5 SOMMARIO Visto da vicino Visto da vicino 7 LIDA: la precisione HEIDENHAIN su larga scala Aperta Mente Aperta Mente 57 HEIDENHAIN ie sempre pii vicina: dalle fiere al Laboratorio TNC Appuntamenti Appuntamenti Punto d'incontro Punto d'incontro 59 Risponde Stefano Castello 60 Risponde Massimo Molla 62 Risponde Danilo Zaccaria [email protected] risponde [email protected] risponde Prodoi 35 Una proposta per isistemi di misura lineari assoluti: LC 182 36 Sistemi di misura lineari per presse piegatrici: la noviti ie LS 1679 37 Trasduori dalle molteplicipossibiliti : inuovi assoluti Ex N 400 e ROx 400 38 En Dat: l'interfaccia persistemi di misura che riduce icosti eaumenta ivantai 41 HEIDENHAIN" sempre un passo avanti Applicativi 44 Il segreto per oenere segnali perfei dai motori lineari sta nei sistemi di misura 48 Controlli analogici? Si, edi lusso 50 Pericolo di collisione tra icomponenti macchina? Con DCM potete non pensarci pii Service 52 La diagnostica dei sistemi assoluti: impariamo aconoscere IK 215 e ATS HEIDENHAIN P.A.S.S. HEIDENHAIN P.A.S.S. Prodoi. Applicativi. Service. Segnalazioni. Prodoi. Applicativi. Service. Segnalazioni. 11 Quando stile ebravura sonouna questione di precisionemillimetrica 16 La Rivoluzione francese ela "Rivoluzione del metro": nascita di un'uniti di misura 24 Parole & Numeri Le recensioni di HEIDENHAIN info HEIDENHAIN i SEMPRE PIi VICINA: DALLE FIERE AL LABORATORIO TNC Nel corso dell'anno sono numerose le occasioni che HEIDENHAIN ITALIANA offre ai clienti per conoscere le ultime noviti eper incontrare isuoi tecnici. Grande aesa per la BI-MU del prossimo oobre 57 Appuntamenti Appuntamenti HEIDENHAIN i SEMPRE PIi VICINA: DALLE FIERE AL LABORATORIO TNC Nel prossimo anno ci saranno molte occasioni per incontrarci. Come tui gli anni pari, aoobre torna la BI-MU(www.bimu-sfortec.com importante fiera di rilevanza non solo nazionale, ormai giunta alla venticinquesima edizione. Ci sari l'opportuniti di vedere da vicino le ultime noviti HEIDENHAIN nel campodei prodoi edel software.Per il 2006 HEIDENHAIN ITALIANA ha deciso di puntare molto su questa manifestazione che godri di una marcia in pii: il nuovo quartiere espositivo di Fiera Milano a Rho, proprio alle porte del capoluogo lombardo. Si traa di un cambiamento epocale che secondo gli addei ai lavori dovrebbe portare molti benefici, sia di ordine logistico, sia per quanto riguarda le capaciti di richiamo edi riceiviti . Promossa da UCIMU-SISTEMI PERPRODURRE, la BI-MU potri godere di una cassa di risonanza ancora pii ampia epotri utilizzare le struure pii moderne per unsostegno reale al mercato dellamacchina utensile.HEIDENHAIN ITALIANA non puimancare aquesto appuntamento e, come sempre, sari in prima fila. Aspeando la BI-MUNell'aesa che arrivi l'autunno con la BI-MU, dove potrete incontrareHEIDENHAIN nel resto dell'anno? Chi opera anche sul mercato estero ha la possibiliti di visitare varie fiere alle quali la nostra Casa Madre ole filiali di tuo il mondo prendono parte: HEIDENHAIN, infai, ie presente in tuo il mondo evive la vita di ciascuna realti nazionale in cui ie inserita. Per conoscere il calendario di tue le manifestazioni fieristiche in cui trovare il marchio HEIDENHAIN, virimandiamo al nostro sitowww.heidenhain.i Per chi, in particolare, si relaziona direamente con la realti italiana, una buona occasione di incontro sono le open-house che icostruori di macchine oppure irivenditori organizzano presso le loro sedi. Le aziende aprono le porte agli utenti per spiegare le noviti messe a punto e HEIDENHAIN viene spesso invitata come partner tecnologico. i un grande riconoscimento per il nostro operato ed ie anche una ricca vetrina per scoprire come le nostre apparecchiature interagiscono al meglio con moltissime macchine, come testimonia proprio la scelta dei costruori. HEIDENHAIN si incontra anche ascuolaNon ci sono solo le fiere egli incontri organizzati nelle aziende. Agli studenti, futuri operatori di domani, ea chi si occupa di formarli, iprofessori, ricordiamo infai il Programma Scuola. Da tempo la HEIDENHAIN ITALIANA ha avviato un proficuo dialogo con il mondo della formazione edell'istruzione, offrendo esperienza etecnologia di prima mano. Prendiamo contao con gli istituti superiori ei centri di formazione epresentiamo le nostre apparecchiature: grande aenzione viene dedicata alla programmazione dei controlli numerici, ma anche isistemi dimisura sono oeo di un grandeinteresse. La nostra aiviti formativa non si limita alla presentazione dei prodoi: quando ci viene richiesto siamo disponibilianche aorganizzare corsi diapprofondimento, workshop oseminari direamente nelle scuole, per aiutare gli studenti aprendere confidenza con le macchine delle loro officine. Un road show per il controllo numericoNel 2006 riprenderi infine il "road-show" che HEIDENHAIN ITALIANA organizza intuo il territorio nazionale: il "Laboratorio TNC". Come suerisce il nome, Laboratorio TNC ie incentrato sulla presentazione del controllo numerico edegli accessori che lo completano astatori tridimensionali evolantini eleronici ma sari anche l'occasione per divulgare le aiviti HEIDENHAIN nel suo insieme, ricordando in particolare la disponibiliti al supporto post-vendita. Iprossimi appuntamenti sarannosicuramente molto ricchi, poich(C) nel 2005 sono state davvero molte le noviti . Per chi, in particolare, si relaziona direamente con la realti italiana, una buona occasione di incontro sono le open-house che icostruori di macchine oppure i rivenditori organizzano presso le loro sedi. Le aziende aprono le porte agli utenti per spiegare le noviti messe apunto e HEIDENHAIN viene spesso invitata come partner tecnologico. Il problema effeivamente esiste ed ie dovuto alla configurazione del Firewall di Windows. i possibile configurare Firewall in modo taleda permeere comunque il correofunzionamento del Cimco NFS. La procedura correa per modificare laconfigurazione ie la seguente (Windows XP + SP2): Gavviare Windows Firewall tramite il "Pannello di controllo" di Windows; Gselezionare il menu "Eccezioni" earaverso il comando "Aiungi programma" aiungere ifile portmap.exe e nfs.exe (potete trovarli normalmente nella directory di default C:\CIMCO\NFS\ Gle due applicazioni portmap.exe e nfs.exe appaiono in un elenco edevono essere aivate (selezionando il riquadro corrispondente) soo la voce "Programmi e Servizi"; Gselezionando "Modifica" e"Cambia ambito" si possono ora selezionare icomputer su cui ie necessariosbloccare il programma. La procedura appena descria risolve con grande faciliti il problema segnalato. i bene ricordare agli utilizzatori dell'i TNC 530 HEIDENHAIN che su questi controlli numerici non ie pii necessario installare il Cimco NFS in quanto, araverso il protocollo SM l'i TNC 530 pui condividere le directory sul server di rete. Per l'installazione, ie necessario innanzi tuo decomprimere il file zip in una directory sul disco fisso (si possono utilizzare Win Zip o Win Rar) eda questa copiare tui ifile exe nella directory di installazione diTNCremo NT (normalmente ieC:\Programmi\Heidenhain\TNCremo NT\ Per rendere definitiva l'installazione, iepoi necessario copiare il filelsv2ctrl_2.ocx nella directory System 32 di Windows: C:\WINNT\system32\(con WIN 9x la directory sari C:\WIN\system\ La versione di TNCremo NT diventacosi2.3.257. Il Patch 3 ie utile nella trasmissione seriale di file con RS-232-C: la suainstallazione amplia infai latrasmissione di intere cartelle edigrandi programmi con vecchicontrolli.i scaricabile dalla sezione Servizi del nostro sito www.heidenhain.it [email protected] risponde 59 Risponde Stefano Castello, Service engineer TNC Sul mio computer ho installato il sistema operativo Windows XP + SP2 eora si verificano dei problemi nella trasmissione dei dati con Cimco NFS se mantengo aivo sul mio computer il programma Firewall di protezione della rete. Mi potete consigliare una soluzione? Mi hanno consigliato di installare il Patch 3 di TNCremo NT. Come devo procedere? Mi potete spiegare l'utiliti dell'installazione? [email protected] risponde [email protected] risponde L'ALTA TECNOLOGIA HEIDENHAIN ORE SOLUZIONI PRECISE. HEIDENHAIN info DEDICA UNO SPAZIO AD HOC ATUTTE LE PARTICOLARI ESIGENZE TECNICHE DEI LETTORI. INVIATE LE VOSTRE DOMANDE [email protected]: IL NOSTRO TEAM DI SPECIALISTI VI RISPONDERi SU QUESTE PAGINE. IN QUESTO NUMERO RISPOSTE DI: STEFANO CASTELLO, SERVICE ENGINEER TN MASSIMO MOLLA, APPLICATION ENGINEER TN DANILO ZAARIA, APPLICATION ENGINEER TNC 61 60 [email protected] risponde [email protected] risponde Ancora una volta parliamo disovrascriura dei parametrimacchina: ie infai molto frequenteche icostruori che montanocontrolli HEIDENHAIN abbiano la necessiti di manipolare iparametri sia di taratura sia di configurazione macchina. Per riuscire avisualizzare iparametriaivi in memoria semplicementeaivando un softkey ie necessarioutilizzare una finestra PL La scelta della visualizzazione potrebbe anche essere diversa da questa, ed essere in forma di file odi tabella; l'"output dei valori", infai, ie adiscrezione del singoloprogrammatore PL In tui icasi, il punto cruciale ie l'utilizzo del modulo 9310 che ie ingrado di leere iparametrimacchina aivi nella memoria delcontrollo numerico enon quelliimpostati sul file dei parametri macchina MP Il modulo 9310 ie stato introdoo nel controllo numerico TNC 430 apartire dalla versione software 280 476-06; nell'i TNC 530, invece, ie stato abilitato su tui imodelli ed ie disponibile a partire dalle prime versioni software340 420-01 e340 422-01.La versione 52 del programma "PLC base" utilizza gii questomodulo nel file MP_READ.SRtramite un KFIELD trasferisce al modulo 9310 le variabili. Quindi ie semplicemente necessarioaiungere iparametri che devonoessere lei.Eseguiremo insieme la procedura che comporta una piccola modifica nel file. Si inizia scrivendo nel file MP_READ.SRC: Nel file di Help del PLCdesign NT si trova la seguente descrizione del modulo 9310: Le quaro righe aiunte nel file MP_READ.SRC vengono poi tradoe dal compilatore PLC in: Completata questa fase, grazie ai software HEIDENHAIN di sviluppo PLC (PLCdesign NT, Menudesign NT, BMXdesign NT) si arriva alla creazionedi una maschera in cui vengonovisualizzati ivalori dei parametri lei. Il file msk ie il sorgente della nostra maschera (in alto asinistra La visualizzazione della maschera viene aivata da un softkey generata con il software Menudesign NT (in alto adestra Premendo il softkey MP VALUE, il controllo numerico visualizza un maschera con ivalori dei parametriaivi in memoria: in pratica,sovrascrivendo iparametri la finestraviene aiornata dinamicamentecome si pui vedere dalle due videate alato. Risponde Massimo Molla, Application engineer TNC Le macchine da noi prodoe hanno diverse configurazioni KINEMATIC ei parametri macchina possono essere sovrascrii sia tramite PLC sia tramite KINEMATI Mi sarebbe utile, in caso di problemi, conoscere in modo veloce epratico quali parametri siano veramente aivi sul controllo. Questo mi permeerebbe di interagire meglio con iclienti quando richiedono consulenze al telefono. [email protected] risponde 62 [email protected] risponde Si, ie possibile aprire ifile DXF generati su un sistema CAD direamentesull'i TNC 530 per estrarne iprofili con un semplice clic del mouse esalvarlicome programmi in formatoHEIDENHAIN testo in chiaro. Il formato DXF importabile ie l'R12(denominato anche AC1009 moltodiffuso esupportato da tui ipii comuni programmi CAD edi grafica.Il file DXF pui essere caricato direamente dalla rete oda una chiave di memoria USB per poi aprirlo come un normale programma NC tramite la Gestione file (PGM-MGT Aseconda del modo operativo in cui vi trovate, possonoverificarsi due situazioni:1) richiamando il file DXF da smar T.NC viene generato un programma di profili con estensione HHEIDENHAIN Contour che pui essere utilizzato direamente in un programma di lavorazione (HU 2) richiamando il file DXF da "Editing programma" viene generato un programma adialogo con testo in chiaro con estensione H, che pui essere utilizzato direamente con la funzione SELECT CONTOUR nei cicli SL, oppure modificato per l'esecuzione direa in macchina. Per visualizzare sullo schermo solamente il profilo interessato, ie possibile nascondere tui ilivelli (layer) superflui contenuti nel file DX Con il semplice ausilio del mouse integrato ie cosi possibile cliccarel'elenco sulla sinistra delloschermo in modo da selezionare un trao del profilo anche se ilprogeista lo ha memorizzato sulivelli diversi.Il punto zero del disegno pui essere spostato in una posizione significativa con un clic sull'elemento, in una varieti di modi: Gnel punto iniziale, finale oal centro di una rea, Gnel punto iniziale, finale oal centro di un arco, Gnel passaio tra iquadranti oal centro di un cerchio, Gnel punto di intersezione tra due reerai, anche se il punto di intersezione si trova nel prolungamento delle relative ree, Gnel punto di intersezione tra rea earco, Gnel punto di intersezione tra rea e cerchio. Dopo aver impostato ilayer da visualizzare edopo avere definito l'origine del sistema, ie possibile procedere alla selezione del profilo con un semplice clic del mouse. Si parte dal primo elemento che identifica il primo punto del profilo, poi si seleziona il secondo elemento eil controllo numerico identifica cosi il senso di rotazione, avviando il rilevamento automatico del profilo. Vengono cosi automaticamenteselezionati tui gli elementi identificabili in modo univoco finch(C) ilprofilo si chiude osi dirama. Per completare la selezione ie sufficiente cliccare sull'ultimo elemento. Giunti aquesto punto, non resta che salvare il profilo selezionato eimmeere il nome del file senzaalcuna estensione. La funzione di zoom ealcuneimpostazioni completano lafunzionaliti del convertitore DXAvete infai ormai adisposizione ilprofilo scelto nel formato diprogrammazione correo, epotete utilizzarlo in modaliti di editingprogramma in smar T.NC perl'introduzione dei dati tecnologici mancanti (utensile, avanzamenti, giri, ecc") eovviamente per selezionare il tipo di lavorazione da effeuare (svuotamento, contornatura, ecc" Questa nuova einteressante funzionaliti ie disponibile come opzione per i TNC 530 versione apartire dalla versione software NC 340 49x-02.Anche icontrolli per torniMANUALplus 4110 e CNC 4290dispongono di una funzionaliti analoga, anche se in un formato diverso. Risponde Danilo Zaccaria, Application engineer TNC Stiamo acquistando una nuova macchina utensile che ie equipaiata con un controllo numerico i TNC 530 HEIDENHAIN evorremmo sapere se esiste la possibiliti di importare iprofili di fresatura direamente dal sistema CAD. C'ie un luogo comune, in Italia enon solo, che imputa l'auale incertezzaeconomica alla mancanza diinnovazione eal ritardo con cui ci sisposterebbe da un'economia distampo industriale auna basata sui servizi. Certo, il fao che il turismo stia perdendo terreno rispeo ad altri paesi non ie un buon segno. Ma non ie trasformando l'Italia in un grande, godibilissimo albergo, con annessi musei eristoranti tipici, che il paese rimonteri le graduatorie dell'OCSE sugli indici di competitiviti . Alla consegna delle onorificenze ai nuovi Cavalieri del Lavoro lo scorso 26 oobre, il Presidente dellaRepubblica Carlo Azeglio Ciampi ha giustamente richiamato l'uditorio sul valore strategico della cultura industriale, edei distrei, per il futuro dell'Italia. "L'Italia non subiri un lento processo di deindustrializzazione" si lee nel discorso del presidente."Oi possiamo affermare chel'industria italiana ie ancora vitale e rimarri elemento costitutivo della nostra societi . Si deve proseguire su questa strada einvestire di pii per l'affermazione di questo modello. In termini di politica economica, ritengo sempre valida la considerazione sull'opportuniti di auare con maiore determinazione politiche di sostegno dell'offerta, che diano impulso ainvestimenti 'reali', innovativi, in impianti, macchine, arezzature". La cosiddea "smaterializzazione" dell'economia, la messa in valore del territorio, l'accento da porre sulla creativiti , sul valore aiunto dei nostri marchi, esul soddisfacimento del tempo libero di una popolazione sempre pii anziana, non possono prendere il posto della produzione di beni strumentali di qualiti tecnologica eprestazioni elevate. La manifaura, rappresentata soprauo dalle piccole emedie imprese, continua acostituire la principale ricchezza del panorama economico italiano acui non si deve enon si pui rinunciare. Cii che vale per l'eccessiva enfasi aribuita all'economia dei servizi valeanche per l'accento postosull'innovazione. Su questo termines'impone qualche chiarimento. Come ho gii soolineato pii volte,l'innovazione ie certamente unelemento fondamentale per liberare la forza competitiva delle piccole-medie imprese, che sono il nerbo del nostropaese. Ma innovare non devesignificare solo la realizzazione di nuovi prodoi, ol'applicazione di nuovetecnologie eprocessi produivi.Innovazione ie prima ancora una disposizione mentale eorganizzativa, indirizzata alla ricerca continua del miglioramento edella soddisfazione del cliente. i capaciti di reinventarsi, apertura al nuovo, virti sempre pii necessarie per conservare oacquisire vantai differenziali in mercati sempre pii competitivi ecomplessi.Le nuove idee devono esserebenvenute, nessuna rifiutata, sono necessari nuovi modelli di business, nuovi posizionamenti sui mercati, creativiti , oimismo, audacia eforza di volonti . La cultura del nuovo, dell'innovazione, stenta aessere patrimonio condiviso, afarsi sistema, organizzazione, gusto del rischio di impresa epassione per la ricerca eper nuove vie di sviluppo. Oi non basta essere consapevoli della necessiti di innovare, bisognapassare adelineare progei dirinnovamento tecnologico, di processo ecommerciale, icui risultati devono essere correlati aindicatori che possano fornire una misura tangibile del grado di innovazione, anche se immateriale, dell'impresa coinvolta. Per conservare ed accrescere la leadership, ie necessario che le imprese interagiscano econdividanole competenze ele conoscenze,stabiliscano collaborazioni efficaci con il mondo dell'universiti edella ricerca. Pii un'impresa ie capace di dialogare apertamente con altri aori, maiori saranno le opportuniti di raccogliere differenti informazioni, opinioni econdividere esperienze eidee.Quindi solo collaborando anche nella competizione, puntando sulla qualiti e la sostenibiliti sociale eambientale dei processi edei prodoi, si potranno trovare nuove opportuniti in mercati pii ampi. Ma questo sari possibile solo con pii fiducia, pii investimenti e un'aitudine pii internazionale. In una parola, appunto, pii innovazione. Andrea Bianchi 5 HEIDENHAIN info n. 1/2005 Direore responsabileAndrea Bianchi Comitato di RedazioneOscar ArientiAlberto CaaneoSabine MenkhoffMicaela NobileSergio PerroneMauro Emilio Salvadego RedazioneSarah Bombelli Luca Carra, ZadigDMB ComunicazioneMaria Chiara Montani, Zadig Progeo graficoDBM Comunicazione S.r.l.Impaginazione: Mac Pro S.r.l. FotografieAP PhotoBeloi S.p.Aerrari S.p.A.Deutsches Museum - Monaco di BavieraDR. JOHANNES HEIDENHAIN Gmb HEditoriale Scienza Eidgenossisches Amt fur MesswesenEmco Famup S.r.l.Emco Mecof S.r.lPT Industrie S.p.A.Globe Trade S.r.l.Graziano Tortona S.p.A.Il Sole 24 ORE La misura di tue le cose "" Ken Alder O.M.V. Officine Meccaniche Venete S.r.l.Parpas S.p.A.Physikalisch-Technische BundesanstaltPT volume 1/seembre 2001RCS LibriSigma S.p.A.Serrmac S.p.A. Tania (foto di copertina) EditoreHEIDENHAIN ITALIANA S.r.l.Via Asiago 14 "" 20128 Milano tel 02 27 07 51 "" fax 02 27 07 52 10 Hanno collaborato aquesto numeroCristina BenussiGiuseppe BuffaStefano CastelloLuciano Dal LagoSusi de PretisFrancesco MancaVartelio MiglioriniMassimo Molla Mauro NolliCaterina PasqueoMarco PasqueoMassimo PavanRoberto PavanRoberto PiccoSebastiano PiccoloFranco RaoAlberto VaccariSanto VerduciDanilo Zaccaria StampaLa Grafica Arlunese S.a.s. Via IV Novembre 5 "" 20010 Arluno (MI) Richiesta arretratiHEIDENHAIN ITALIANA S.r.l.Via Asiago 14 "" 20128 Milano tel 02 27 07 51 "" fax 02 27 07 52 10 [email protected] HEIDENHAIN nel mondo Argentina [email protected] Australia [email protected] Austria [email protected] Belgio [email protected] Bielorussia [email protected] Bosnia-Erzegovina [email protected] Brasile [email protected] Bulgaria [email protected] Canada [email protected] Cina [email protected] Corea [email protected] Croazia [email protected] Danimarca [email protected] Federazione Russa [email protected] Filippine [email protected] Finlandia [email protected] Francia [email protected] Germania [email protected] Giappone [email protected] Grecia [email protected] Hong Kong [email protected] India [email protected] Indonesia [email protected] Israele [email protected] Italia [email protected] Macedonia [email protected] Malesia [email protected] Messico [email protected] Norvegia [email protected] Olanda [email protected] Polonia [email protected] Portogallo [email protected] Regno Unito [email protected] Repubblica Ceca [email protected] Repubblica Slovacca [email protected] Romania [email protected] Serbia e Montenegro [email protected] Singapore [email protected] Slovenia [email protected] Spagna [email protected] Stati Uniti [email protected] Sud Africa [email protected] Svezia [email protected] Svizzera [email protected] Tailandia [email protected] Taiwan [email protected] Turchia [email protected] Ucraina [email protected] Ungheria [email protected] Venezuela [email protected] Vietnam [email protected] Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 373 del 3 luglio 1995 INDUSTRIA EINNOVAZIONE Heidenhain4_rivista DEF 3-02-2006 12:27 Pagina 4 LIDA: LA PRECISIONE HEIDENHAIN SU LARGA SCALA Alla scoperta delle fasi di produzione dei sistemi LIDA, dall'intervento sul nastro grezzo, fino al taglio ealla lavorazione finale, calibrati secondo le necessiti ele richieste del cliente Isistemi di misura lineari aperti sono la soluzione ideale per chi desidera macchine precise, veloci ed efficienti: tra le soluzioni migliori ci sono quelli della serie LIDA con principio difunzionamento ascansionefotoelerica. Isistemi LIDA impiegano come supporto un nastro graduato in acciaio AURODUR dello spessore di 0,3 mm, su cui ie applicato, mediante elerodeposizione galvanica, uno strato dorato con passi di divisione di 100 m, 40 m o20 m. Idiversi passi di divisione elediverse classi di accuratezzadeterminano imodelli di questoprodoo, tui particolarmenteindicati per elevate velociti di traslazione. Grazie allo speciale tipo di scansione, isistemi di misura della famiglia LIDA sono inoltre insensibili alla contaminazione della riga graduata ealle irregolariti della superficie di montaio. Tra iprincipali seori di impiego per i sistemi LIDA, si ricordano le macchine per la produzione ela lavorazione di componenti eleronici eil rilevamento di posizione su macchine di misura acoordinate. Lavorazione del nastro grezzoLa nascita del sistema LIDA iecomplessa earticolata in fasi successive: si parte innanzi tuo con la produzione dei nastri; si aua una pulitura preliminare con controllo al 100% del materiale grezzo che viene acquistato eche viene consegnato avvolto su bobine (coil) da fornitori di acciaio. Prima di passare al processo produivo vero eproprio, il materiale viene tagliato alla larghezza richiesta di 13 mm. Il nastro viene poi levigato elucidato, agruppi di 600 malla volta, su appositi impianti continui: ie in questa fase che si cerca di raiungere l'elevata qualiti superficiale per la graduazione che viene richiesta ai sistemi LIDA dove anche le caraeristiche di riflessionedel sistema vengono aentamentemonitorate. Queste operazioni sono resepossibili, oltre che dalle uniti di controllo, anche dall'intervento di operatori esperti, in grado di valutare con competenza irisultati dellalavorazione superficiale.Inastri cosi oenuti, dopo essere stati puliti elucidati con spazzole, gei ad alta pressione eultrasuoni, devono essere sooposti atest per la verifica della geometria edei parametri oici: tui idati acquisiti durante questi test sono registrati e immagazzinati negli archivi eleronici per le statistiche di qualiti , adisposizione degli operatoriresponsabili delle fasi produive successive. 7 LIDA con testina di scansione Visto da vicino Visto da vicino LIDA: LA PRECISIONE HEIDENHAIN SU LARGA SCALA LA RIVOLUZIONE FRANCESE ELA "RIVOLUZIONE DEL METRO": NASCITA DI UN'UNITi DI MISURA Un'affascinante ricostruzione storica che ripercorre ipassi che hanno portato alla definizione del sistema metrico decimale, sancito alivello internazionale 130 anni fa L'avventura comincia in Francia ai tempi della Rivoluzione francese. L'Europa esce da secoli di guerre religiose eregimi oppressivi che sireono su un sistema di caste eun'atmosfera intrisa di superstizioni. La data che segna la discontinuiti fra "vecchio" e"nuovo" regime ie il 14 luglio del 1789, giorno in cuivengono espugnate le prigioniparigine della Bastiglia: siamo al culmine della Rivoluzione, fiorita in pieno clima illuministico epresto degenerata negli anni del Terrore. La monarchia viene abbauta con la forza al grido di "Liberti , uguaglianza efraterniti "; isudditi diventano ciadini, con una carta dei dirii euna inedita fiducia nei Lumi della Ragione in grado di dissipare le tenebre della superstizione edella intolleranza. Dagli altari cadono quelli che vengono considerati gli idoli di una religione troppo corriva con il potere eal suo posto viene issata la Dea della Ragione, nelle sembianze di una giovane donna. Il fervore giacobino non si limita peri asovvertire l'ordine politico, ma si applica con parienergia ezelo ariformare ogniaspeo del vecchio regime giudicatoirrazionale eoscurantista. Acominciare dalla suddivisione del tempo. Il calendario gregoriano, che era stato introdoo nel 1582 da papa Gregorio VIII al posto del calendario giuliano, viene abrogato perch(C) fissa l'inizio nella nascita di Cristo. Dall'oobre 1793 lo sostituisce il calendario rivoluzionario, composto da 12 mesi di 30 giorni ciascuno secondo un ordine pii aderente all'avvicendarsi naturale delle stagioni. Il 22 seembre 1792, data di proclamazione della Repubblica francese per caso coincidente con l'equinozio d'autunno, viene definito come inizio del nuovo anno "0" secondo la nuova cronologia. Ogni mese ie suddiviso in tre seimane di 10 giorni ciascuna (sistema decimale Vengono cancellati le domeniche eigiorni festivi cristiani.Dall'anno si passa arivoluzionare la scansione della giornata, giudicata anch'essa poco confacente all'ordinedi ragione enatura. Cosi, l'11 novembre 1973 viene abolito il giorno di 24 ore con ore da 60 minuti, esostituito da un giorno di 10 ore Oi si parla correntemente di chip di 180 nanometri (nm) odi circuitistampati di 75 micrometri (mMisure microscopiche di cui ci si pui fare un'idea pensando, per esempio, che in un secondo il capello umanocresce di circa 8 nm, ovvero0,000008 mm, oppure ancora 0,000000008 m(8 10 ""9 m Ma quando passiamo dagli oei della nostra realti quotidiana agli elementifondamentali della fisica, ledimensioni perdono qualsiasi ancoramento al senso comune: ie il caso dei nuclei atomici, misurati in femtometri (10 ""15 m Gli eleroni ei quark rientrano persino nell'ordine degli aometri (10 ""18 m Saltando dall'estremamente piccoloall'estremamente grande,considerando per esempio il diametro della Terra, si viene catapultati invece nell'ordine dei megametri (12,7 10 6 mo dei terametri laddove si voglia misurare la distanza tra la Terra eil Sole (0,1496 10 12 mo l'estensione dell'intero universo (circa 10 26 m per cui ie pii comune utilizzare glianni luce. Tue queste dimensioni, chetestimoniano lo straordinarioaffinamento delle nostre capaciti di misurazione, rimandano aun'uniti , il "metro", che oi diamo per scontato,ma che si impose alivellointernazionale "solo" 130 anni fa nell'ambito di una Convenzione chene stabili definitivamente lecaraeristiche, dopo quasi un secolo di dispute erocambolesche vicende storiche escientifiche. Aperta Mente 17 16 L'alternativa del pendolo Per pura coincidenza, un pendolo semplice lungo un metro bae virtualmente il secondo: ogni sua oscillazione, infai, dura approssimativamente un secondo. Dopo gli studi di Galileo Galilei, nel secolo XVII il pendolo era ben conosciuto: al 1657 risale il primo orologio apendolo realizzato da Christian Huygens. Perch(C) allora non utilizzare questo strumento per definire il metro? L'idea contagia imigliori ingegni dell'epoca: nel 1660 la Royal Society propone di meere in relazione le uniti di tempo elunghezza tramite pendoli, su suerimento ripreso da Huygens e Ole Romer. L'italiano Tito Livio Buraini propone la stessa cosa nel 1675, suerendo inoltre di chiamare la nuova uniti metro. In Francia, invece, asostenere l'ipotesi del pendolo ie il vescovo di Autun, Charles Maurice de Talleyrand-Perigord, pii noto col nome di Talleyrand. Nell'aprile del 1790 il vescovo presenta un progeo basato su un'uniti di lunghezza determinata da un pendolo che bae secondi di tempo a45 gradi di latitudine. Passano pochi mesi eun altro grande della storia, Thomas Jefferson (che diventeri in seguito terzo presidente degli Stati Uniti d'America presenta alla House of Representatives un Plan for establishing Uniformity in the Coinage,Weights, and Measures of the United States (Programma per stabilire l'uniformiti nelle monete, nei pesi enelle misure degli Stati Uniti) , in cui di nuovo l'uniti di lunghezza ie basata sulle regolari oscillazioni di un pendolo. Negli stessi anni anche il parlamento britannico discute l'ipotesi del pendolo proposta da John Ris Miller. Tue proposte, peri, che vengono prese in contropiede dalla decisione francese di scegliere la via della misurazione del meridiano terrestre. fonte: Perch(C) il metro bae il secondo , di Paolo Agnoli e Giulio D'Agostini Il metro viene definito come la decimilionesima parte del quadrante del meridiano terrestre passante per Parigi che dal Polo Nord si estende sino all'Equatore sarebbe stato utilizzato nel volgere di pochi decenni dal 95% dellapopolazione mondiale. Il metro, il pendolo ela TerraNel caos politico di quegli anni, il difficile compito di stabilire la nuova uniti di misura viene affidato agli astronomi emembri dell'Accademia delle scienze di Parigi Jean-Baptiste-Joseph Delambre (1749-1822) e Pierre-Francois-Andr(C) M chain(1744-1804 impresa narratanell'interessante libro di Ken Alder La misura di tue le cose. L'avventurosa storia dell'invenzione del sistema metrico decimale (Rizzoli, 2003 Molte definizioni della nuova misura lineare vengono discusse alivello nazionale einternazionale equindi rifiutate. Alla fine restano in lizza la "lunghezza del pendolo del secondo" ela definizione della circonferenza terrestre come costante naturale. La lunghezza del movimento di un pendolo nel corso di un secondo ha tuavia lo svantaio di variare in funzione del grado di latitudine. Gii allora era noto infai che la Terra non ie una sfera ma un ellissoide di rotazione, un cosiddeo "geoide". La misurazione deve essere idealmente eseguita al 45 di latitudine Nord. Ifrancesi eleono la cii diBordeaux come sede di tale misurazione, gli inglesi Londra. In merito atali controversie, invece, il 26 marzo 1791 l'AssembleaCostituente gii riunita a Parigi decide di procedere alla misurazione delmeridiano edi definire ladecimilionesima parte della distanza tra Polo Nord el'Equatore come nuovocampione di misura lineare. Devono tuavia essere soddisfae le seguenti condizioni: l'arco del meridiano da misurare deve essere almeno di 10; deve trovarsi al 45 di latitudine Nord per non risentire dell'appiaimento della sfera terrestre ai Poli; entrambe le estremiti dell'arcodel meridiano devono trovarsiall'altezza del mare; meglio sarebbe misurare un meridiano che passi peruna regione gii soea amisurazione in passato. Il meridiano che passa per Dunkerque, Parigi e Barcellona soddisfa tali condizioni ed era gii stato misurato a trai nel 1700 dall'astronomo francese Jean Dominque Cassini enel 1740 da C sar-Francois Cassini (direore dell'Osservatorio astronomico di Parigi sebbene con gli strumenti semplici in uso ai quei tempi. Inoltre, un nuovo "circolo ariflessione", ideato da Jean-Charles de Borda (1733-1799) ma progeato erealizzato da EtienneLenoir (1744-1822 consente dieseguire la misurazione angolare equindi di definire la distanza conmaior precisione. Delambre ieresponsabile della parte seentrionale di questa distanza (Dunkerque-Rodez) e M chain di quella meridionale (Rodez-Barcellona Una misura durata see anniDopo la proclamazione sooscria il 10 giugno 1792 dal re Luigi XVI "relativa all'osservazione eagli da 100 minuti ciascuna. Anche la suddivisione del cerchio in 360, che risaliva ai babilonesi, non ie pii conforme alle nuove idee. La nuova divisione del cerchio diventa di 400 con un angolo reo a100. Tue le tabelle trigonometriche elogaritmiche doveero essereconvertite emodificate. Il fervore dei rivoluzionari nonrisparmia nemmeno il vecchio eintricato sistema di pesi emisure, che solo in Francia contava fino a250. 000 uniti diverse.La razionalizzazione porta nell'immediato aun caos totale: gente abituata da sempre aragionare "" con notevoli differenze fra una regione etalvolta una cii el'altra "" in tese, cubiti, piedi, palmi, spanne epollici, in libbre estaia, vede vacillare le antiche certezze. Tuavia l'intento del nuovo regime ie proprio quello di annullare tali differenze per dare una base di riferimento comune per ogni genere di misura atua la nazione, cercando di dedurre il nuovo sistema di misura lineare "dalla natura" con una ripartizione "pii logica" di tipo decimale, acui doveva essere adeguataanche la misurazione del peso.Questo avrebbe notevolmente aiutato icommerci elo sviluppo scientifico e tecnico, nel quale l'Illuminismovedeva, come dimostra larealizzazione dell' Enciclopedia (o Dizionario ragionato delle scienze, delle arti edei mestieri ) del 1772, il principale motore di progresso civile edi emancipazione umana. N(C) Diderot n(C) d'Alember curatori dell' Enciclopedia eprincipali animatori dell'Illuminismo insieme a Voltaire, avrebbero potuto prevedere che da questo processo di revisione di pesi emisure sarebbe emerso il"metro", definito come ladecimilionesima parte del quadrante del meridiano terrestre che dal PoloNord si estende araversoDunkerque, Parigi e Barcellona perarrivare sino all'Equatore. Esoprauo che la nuova uniti di misura avrebbe consentito di definire altre see uniti standard (uniti SI) per le grandezze fisiche di base, eche questo sistema metrico decimale Aperta Mente Aperta Mente 19 18 Il "circolo ariflessione", strumentodell'epoca per le misurazioniangolari di precisione Targa commemorativa della misurazione del meridiano in prossimiti della cii di Rodez Vignea che descrive l'impresa francese della misurazione del meridiano compreso fra Barcellona e Dunkerque passante per Parigi REPORTAGE EMO 2005 : PROPOSTE EPROSPETTIVE La fiera di Hannover si ie rivelata molto ricca per tui coloro che si occupano di meccanica. Ancora una volta, icostruori italiani puntano sui controlli numerici HEIDENHAIN per le loro macchine utensili La EMO di Hannover ha chiuso ibaenti con dati estremamente incoraianti per ipartecipanti eper tuo il seore dellamacchina utensile. Oltre2. 000 aziende espositrici hanno presentato le loronoviti a160. 000 visitatori provenienti da 82 paesi di tuo il mondo. Sono cifre che lasciano ben sperare eche testimoniano come questo mercato abbia ancora molto da dire. Tra gli espositori la compagine italiana era considerevole sia per numero di espositori sia per metri quadrati occupati: gli italiani erano infai secondi solo ai padroni di casa, che ovviamente hanno fao la parte del leone. L'occasione per toccare con mano le noviti HEIDENHAIN ha colto l'occasione di questa vetrina internazionale per presentare una serie di noviti importanti esignificative riguardanti tui isuoi prodoi. Molte sono state illustrate in questa rivista, ma vale la pena vederle in unarapida carrellata.HEIDENHAIN si ie focalizzata in particolare su quaro temi: " nuova famiglia di sistemi di misura lineari eangolari assoluti, " En Dat 2. 2, l'interfaccia digitale per sistemi di misura, " controlli numerici per le macchine utensili di prossima generazione, " HEIDENHAIN come partner d'eccellenza per applicazioni all'avanguardia su macchine utensili. Alla EMO sono state allestite varie postazioni interaive in modo da permeere al pubblico di vedere le apparecchiature inserite in situazioni di lavoro realiome di consueto ie stata offerta ai visitatori la possibiliti di sperimentare icontrolli numerici i TNC 530 tramite leormai famose stazioni diprogrammazione, presenti a Hannovercon l'hardware aiornato. In particolare, chi ha visitato la EMO ha potuto verificare le nuove funzioni associate alla versione software pii recente: DCM (controllo anticollisioneimportazione di file DX ilpotenziamento dell'interfaccia smar T.N Tue queste noviti sono state spiegate operativamente anche su una macchina acinque assi. La EMO ha permesso inoltre di intravedere quello che sari il futuro dei CN: con lo slogan "100%-digitale" HEIDENHAIN ha presentato un hardware di concezioneinnovativa.Tui icomponenti delcontrollo numerico dialogano infai tramite collegamenti digitali: oltre all'affermata interfaccia En Dat persistemi di misura, una nuovainterfaccia Fast-Ethernet con protocollo HEIDENHAIN in tempo reale rivoluziona il modo di intendere il controllo numerico. Questa interfaccia, chiamata HSCI (HEIDENHAIN Serial Controller Interface) collega l'uniti logica principale, posizionata dietro al video, equalunque altro componente del CN, sia esso nell'armadio elerico oa bordo macchina. 27 Alla EMO HEIDENHAIN era presente con un ampio ericco stand Punto d'incontro Punto d'incontro REPORTAGE EMO 2005: PROPOSTE EPROSPETTIVE rispeo aun riferimento calibrato vengono misurati in un apposito banco della lunghezza di 30 min presenza di specifiche condizioni termiche. Rifiniture su ordinazioneI singoli clienti richiedono spesso condizioni di montaio particolari, basate sul tipo di impianto utilizzato. Per ognuno, inastri devono esseretagliati su misura esoopostiall'opportuna lavorazione finale primadella consegna. Oltre ai differenti passi di divisione (20, 40 e100 m di distanza da una linea all'altra sono disponibilinastri con esenza indici diriferimento codificati, per applicazioni su superfici piane o curve. Il completamento dei nastri con irelativi accessori eun nuovocontrollo qualiti seguitodall'imballaio vengono effeuati nella fase di controllo finale.I nastri LIDA sono ora pronti peressere utilizzati. Idue seoriprincipali in cui verranno richiesti sono, da un lato, le macchine di misura con iloro lunghi bancali, che necessitano quindi di nastri di unacerta lunghezza e, dall'altro,l'industria eleronica (applicazioni veloci con motori lineari, foratrici perschede, assi manuali per cuipossono essere sufficienti anchenastri di appena 50 mm.Non solo; inastri LIDA si possonousare anche come sistema dimisura angolare: atale scopo il nastro viene adaato efissato al diametro interno oesterno di un cilindro metallico, ela testina di scansione viene posizionata sulla circonferenza. Un esempio di nastri di questo tipo si ha nel caso delgigantesco telescopiodell'Osservatorio meridionale europeo ESO in Cile, in cui si trova un nastro di 24 mdi lunghezzaavvolto intorno auna corona girevole del diametro di 7,7 m. Produzione delle graduazioniIl nastro grezzo ie ora pronto peressere dorato sulla superficiesuperiore, tramite un processo chimico. La sicurezza che accompagna la deposizione galvanica dell'oro sui nastri ie particolarmente curata: gli impianti sono dotati di oimi sistemi di aspirazione edi sensori chemonitorano l'eventuale presenza digas nocivi, egli assistenti dilaboratorio controllano regolarmente le condizioni dei bagni chimici. Lo strato dorato viene poi traatocon una speciale vernicefotosensibile, che ha un comportamento simile aquello di una pellicola fotografica. La produzione vera epropria delle graduazioni viene eseguita con processo continuo: la luce genera il campione desiderato sullo strato di vernice fotosensibile, mediante una maschera (negativo) posta tra una lampada eil nastro. Come sorgente luminosa si impieganolampade flash olaser.Proprio come in un laboratorio fotografico, si deve poi sviluppare la posa. La luce ha modificatochimicamente la vernice in modo che sia possibile eliminarla nei punti corrispondenti. Iseori dorati ora liberi, non pii ricoperti da vernice, vengono incisi metallicamente e quindi resi opachi escuri. Con diverse operazioni di lavaio epulizia viene eliminata anche la vernice; rimane quindi un nastro dorato con linee scure fini, la famosa graduazione LIDA. Sul campione "a strisce" cosi oenuto si pui spostare, per esempio, una testina di scansione di una macchina di misura per elaborare informazioni lineari dalla precisionemicrometrica. i cosi terminata la lavorazione delle graduazioni LIDA: prima di meerle adisposizione dei clienti, peri, HEIDENHAIN soopone tui inastri aun controllo completo. Tue leampiezze del segnale, gli indici di riferimento el'accuratezza lineare Visto da vicino Visto da vicino 9 8 La produzione delle graduazioni sulla vernice fotosensibile che ricopre lo strato dorato avviene come su una pellicola fotografica Isistemi di misura HEIDENHAIN aperti della serie LIDA sono molto compai eleeri Banco di misura con slia Impianto di copiatura per nastri LIDA Sorgente luminosa Lente focalizzatrice Maschera Fascio luminoso Nastro QUANDO STILE EBRAVURA SONO UNA QUESTIONE DI PRECISIONE MILLIMETRICA "" LA RIVOLUZIONE FRANCESE ELA "RIVOLUZIONE DEL METRO": NASCITA DI UN'UNITi DI MISURA "" PAROLE & NUMERI Intervista a Jury Chechi QUANDO STILE EBRAVURA SONOUNA QUESTIONE DI PRECISIONEMILLIMETRICA 11 Aperta Mente Aperta Mente Jury Chechi non ha bisogno di presentazione. Tui hanno presente il campione dai capelli rossi che con isuoi speacolari voltei agli anelli ie riuscito arendere popolare in Italia una disciplina difficile come la ginnastica artistica. Ci limitiamo dunque aun breve excursus delle tappe pii rilevanti della sua carriera per lasciare poi che sia lui stesso araccontarci di s(C), di come ie cambiato lo sport in un'epoca di grande trasformazione dovuta all'avvento della tecnologia einfine di cosa significhi oi fare spor La ginnastica artistica vive di deagli che richiedono rigore assoluto. La tecnologia permee di misurare ecorreere gli errori con estrema esaezza. Il campione degli anelli parla delle macchine nello sport: sono un valido aiuto, ma da sole non bastano di Susi de Pretis Atene 2004, la figura della "rondine" durante la finale agli anelli Ormai sei entrato nella storia dellosport enella leenda dellaginnastica artistica come il "signore degli anelli". Di quali responsabiliti ti senti caricato con questo ruolo? Leenda, sinceramente, mi sembra una parola esagerata. Enon lo dico per falsa modestia. Sono molto orgoglioso degli obieivi che ho raiunto. Tuavia non mi sento una leenda. Mi sento un uomo che si ie impegnato molto, che ha lavorato, faticato eha oenuto i risultati che voleva. Non mi sento di portare responsabiliti , n(C) credo di essere un esempio. Mi capita spesso di ricevere mail da persone che mi fanno icomplimenti emi raccontanodelle sfide che anche loro sipropongono di affrontare nella vita. Io rispondo che l'importante ie trovare la forza di provarci. Secondo me occorre sempre meersi in discussione eavere il coraio di credere in quello che si fa. Una dozzina di medaglie europee e mondiali, oro ad Atlanta nel 1996, bronzo ad Atene nel 2004. Quale ie stata la vioria pii importante nella tua carriera? Sono sicuramente le due viorie alle Olimpiadi ad avermi dato di pii. Quella di Atlanta nel '96 ie stata il coronamento della mia carriera di atleta. Ho lavorato molto, molto faticato, ma volevo arrivarci ece l'ho faa. Mi sono sentito davvero appagato come atleta. L'altra, ad Atene l'anno scorso, pur essendo solo un bronzo, mi ha appagato come uomo. Per me ie stata una sfida alivelloumano e, aiungerei, una sfidacoraiosa. Con questa vioria credo di aver dato un segnale di speranza non solo per chi fa spor Penso di aver dimostrato che ie possibile raiungere l'obieivo che ci si ie posti, anche senza doti particolari esenza essere favoriti dalla fortuna. Basta crederci con forza. Cosa ti ha spinto arimeerti in gioco? Non volevo finire la carriera con un infortunio. Pensavo che fosse ingiusto. Volevo essere io adecidere quando ritirarmi. Ma non solo. Mi sono rimesso in gioco anche perch(C) avevo fao una promessa amio padre che era malato: se lui guariva, io ricominciavo a gareiare eandavo all'Olimpiade. Lui ie guarito, cosi dovevo mantenere la promessa faa. Epoi la nascita di mio figlio Dimitri mi ha dato nuova energia. Nel 2002 c'ie stato a Milano uno storico incontro che ha visto insiemeSavino Guglielmei, oro a LosAngeles nel '32, Franco Menichelli, oro a Tokio nel '64 ete, oro ad Atlanta nel '96. Cosa ha significato per te questo incontro? i stato un momento emozionante. Guglielmei lo conoscevo gii , ie una cara persona. Menichelli invece l'ho conosciuto in quell'occasione. Per noi giovani atleti era un mito, un campione indiscutibile. Quel giorno abbiamo fao una lunga chiacchierata. i stato molto bello sentire da loro le storie di una ginnastica molto diversa da quella del mio tempo. Cosa ie cambiato in tanti anni? i cambiato un po' tuo, lametodologia, la tecnica, learezzature. Peri cii che pii mi ha emozionato ie stato constatare che una cosa ie rimasta sempre uguale: la grande passione per lo sporContinua aessere la passionel'elemento fondamentale che ticonsente di superare le difficolti , soprauo quelle fisiche, anche se magari le macchine ti permeono di farlo in modo meno faticoso. Nella tua biografia ( Semplicemente Jury , Sperling & Kupfer, 2005) racconti che il metodo diallenamento russo aveva datooimi risultati anche grazieall'adozione di modernetecnologie. Secondo te questi sistemi sono validi? Si, nel modo pii assoluto. Laginnastica vive di deagli, diprecisione millimetrica. La perfezionerichiede una cura costante edestremamente aenta. In questo le macchine possono essere d'aiuto. Negli anni Novanta si ie assistito auna vera epropria trasformazione nello sport dovuta all'applicazione dellemacchine edel computer. Io hovissuto questo momento dipassaio. Iprimi ausare letecnologie nella ginnastica sono stati irussi. Parliamo di un'epocaprecedente alla caduta del muro diBerlino. Era curioso perch(C) siallenavano in struure che di moderno non avevano nulla, ma utilizzavano le tecnologie pii avanzate. Negli allenamenti itecnici riprendevano gli atleti con videocamere ene filmavanoimovimenti dopo aver applicatosensori in particolari punti chiave. Poi guardavano le immagini sugli schermi eriuscivano astudiare gli errori di posizione con rigore scientifico grazie alla possibiliti di effeuare misurazioni millimetriche. Irisultati erano oimi perch(C) potevano essere molto precisi nelle correzioni. Col tempo Entrato nella storia dello sport nel 1993, come primo ginnasta italiano vincitore di un campionato del mondo, Chechi ie anche l'unico atleta ad aver vinto il titoloper cinque volte consecutive. Dopo aver mancato l'Olimpiade di Barcellona del 1992 acausa di un incidente, partecipa ai giochi di Atlantanel 1996 conquistando l'oro. Una splendida vioria che lo fari entrare nella leenda. Ormai il "signore degli anelli" ie un personaio ammirato per la bravura e la perfezione di stile eamato per laspontaneiti ela simpatia. Nel 2000 un secondo grave incidente lo costringe aritirarsi. Ma presto la decisione ie revocata: Chechi non si rassegna ai capricci del destino. Vuole essere lui adecidere quando porre fine alla carriera sportiva. Si apre cosi la partita pii difficile: come nella migliore tradizione mitologica, la sfida fral'uomo eil fato. Rimeersi in gioco non ie facile, ma l'atleta pui contare su una forza di volonti euna tenacia eccezionali esoprauo su una grandissimapassione. Cosi dopo un lungo periodo di inaiviti , a35 anni econ una spallanon perfeamente funzionante,partecipa alle Olimpiadi di Atene e vince il bronzo. Aperta Mente Aperta Mente 13 12 Il portabandiera azzurro al termine dell'esercizio che lo condurri al podio Chechi racconta la sua vita ela carriera sportiva in Semplicemente Jury bene. Il primo ie che fare sport piace, diverte equindi gratifica. Trovare occasioni per fare qualcosa al solo scopo di divertirsi, senza avere altri obieivi utilitaristici che siano di guadagno, di fama oaltro, ormai ie sempre pii difficile. Lo sport si offre proprio come una di queste rare occasioni. Il secondo motivo ie che fare sport fa bene alla salute, alivello neurologico eneuromuscolare. Lo sport aiuta amantenersi sani eanche equilibrati. Secondo te esiste in Italia una buona cultura dello sport? Dipende. Persone che fanno aiviti sportiva per il piacere di farla ce ne sono parecchie. Il problema ie che per lo pii si dedicano allo sport in maniera saltuaria, senza continuiti . Manca la consapevolezza che lo sport fa bene solo se diventa un'aiviti regolare e costante. Purtroppo fare sport ognitanto pui essere persinocontroproducente epericoloso perch(C) si rischia di sooporre il corpo aunostress senza avere un adeguatoallenamento. Prima di cimentarsi inaiviti sportive occorre unapreparazione atletica che va costruita gradatamente. C'ie poi il livello dello sport da guardare, lo sport speacolo, dove, parlando di cultura, in Italia siamo monoculturali: esiste solo il calcio. Equesto secondo secondo me ie la negazione della cultura. Eppuredovremmo esserci accorti cheesistono anche altri spor Atene lo ha dimostrato in modo neo. Spesso si cercano irisultati senza fatica. Tu hai sempre mantenuto unaeiamento di condanna neiconfronti di ogni sostanza chimicanello spor Cosa diresti inproposito agli atleti ea chi praticasport anche alivellodileantistico? Ribadisco con fermezza la necessiti di portare avanti la loa al doping che rappresenta una delle iaure pii gravi dello spor Tuavia vedo segnalipositivi che mi fanno essereoimista. Ho l'impressione che si stia imboccando una buona strada. Per esempio mi sembra una buona cosa l'introduzione di una lee che ie pii severa nei confronti sia di chi distribuisce sostanze dopanti sia di chi le consuma. Agli atleti va deo che il doping fa male. Mi sembra chequesto dovrebbe essere unargomento sufficiente aconvincerechiunque abbia un briciolod'intelligenza. Molti pensano di poter raiungere un'oima forma fisica standosene comodamente distesi con l'aiuto diqualche elerostimolatore. Checosa pensi della "ginnastica da saloo"? Magari fosse vero! Purtroppo talvolta si traa di false promesse. Non ie che l'elerostimolazione faccia male, intendiamoci. Al contrario fa bene e aiuta se coordinata con la normale aiviti fisica. Ma pensare di vincerela cellulite con la solaelerostimolazione odi buare gii il grasso senza muoverti ie una pura illusione. Per meersi in forma e mantenere una buona forma si deve fare aiviti fisica con costanza. La fatica ie compensata dal piacere di muoversi edai risultati. In che modo secondo te si pui trarre beneficio dall'uso della tecnologia applicata allo sport? C'ie sempre pii tecnologia in tui gli spor Prendi un arezzo qualsiasi, come lo skate ola biciclea, evedrai che ie il risultato di un'evoluzione tecnologica. Io penso che il progresso tecnologico abbia dato un contributo importante epositivo perch(C) aiuta a migliorare le prestazioni efacilita il compito dell'atleta. Ma ribadisco quanto gii deo prima: le macchine, per quanto sofisticate, non possono e non potranno mai sopperire all'aiviti dell'uomo. Consiglieresti aun ragazzo di fare ginnastica artistica? Il consiglio che darei io non ie di fare ginnastica artistica, ma di fare spor Gli direi di provarne tanti, anche la ginnastica artistica naturalmente, perch(C) ie bella. Ma dopo aver provato, ognuno deve scegliere lo sport che pii gli piace oper il quale si sente pii portato. Comunque la ginnasticaartistica ti pui dare grandisoddisfazioni perch(C) fai cose complicate eriuscire afare cose difficili ie sempre gratificante. Io sono certamente di parte, ma la ginnastica ie uno sport molto bello da vedere, se mi si passa il termine, direi che ie "televisivo", speacolare. Dopo lo splendido risultato di Atene hai deciso di ritirarti. Ma, come si lee nella tua biografia, hai sempre bisogno di una sfida. Quale sari la prossima? Ormai non mi pongo pii sfide di tipo agonistico, ma altre sfide. Ho in testa altri progei, ma sono nella fase in cui devo capire quali sono ipii importanti. Ancora non ho deciso. Per il momento mi sono preso una sortadi periodo sabbatico evogliodedicarmi soprauo ai miei due bambini. Aperta Mente Aperta Mente 15 14 l'esperienza russa ie approdata anche da noi. Ti sei avvalso delle tecnologie negli allenamenti? Si, anche se con altre applicazioni. Ho usato le macchine soprauo per rinforzare la muscolatura. Io penso che le macchine aiutino esiano utilinei limiti acceabili. Ma sonoconvinto che lo sport sia ancora soprauo l'atleta afarlo. Hai subito due incidenti che hannorichiesto, soprauo il secondo,uno sforzo enorme per tornare a gareiare. La tecnologia ti ie stata di supporto in fase di terapia edi riabilitazione? Si, subito dopo l'intervento ho usato elerostimolatori per un paio di mesi per la riaivazione muscolare eper la riabilitazione. Cosa serve per diventare bravi ginnasti ein generale per riuscire nelle varie discipline sportive? Per fare sport ad alto livello iesicuramente necessario averequalcosa in pii che non si pui costruire. Occorre insomma essere geneticamente dotati. Aun livello pii basso, invece, sono convinto che si possano raiungere oimi risultati anche con un buon allenamento e una buona tecnica. Secondo te quanto conta la presenza di una buona guida edi struure adeguate? Una buona guida ie fondamentale. Da solo fai troppi errori. i necessario creare ipresupposti per potersivedere evalutare in modo menopersonale possibile. Equesto ie possibile solo araverso la presenzadi una seconda persona.Naturalmente serve anche una struura adeguata, cosa non sempre facile da trovare nel nostro Paese, anche se, rispeo aqualche anno fa,mi sembra che le cose sianomigliorate. Pur senza dover necessariamente diventare campioni, fare sport ieimportante nella vita di unapersona. Perch(C)? Poco fa mi trovavo in mezzo a1. 500bambini per una manifestazione sportiva di base emi ha colpito la gioia eil piacere con cui questi ragazzini partecipavano. Io credo che ci siano almeno due buoni motivi per cui praticare un'aiviti sportiva ie Il ginnasta pii anziano dei Giochi Olimpici di Atene esulta dopo la premiazione Universiti degli studi del Molise,conferimento Laurea ad Honoremin scienze motorie ampobasso, 2004) Drio alla meta con smar T.NC Sistemi di misura angolari Sistemi di misura lineari Controlli numerici Visualizzatori di quote Tastatori di misura Encoder Solo chi trova la strada giusta, raiunge velocemente econ sicurezza la meta. HEIDENHAIN vi indica la strada pii breve verso la programmazione testo in chiaro: con l'innovativa interfaccia utente smar T.NC vi mostra orizzonti inediti nella programmazione testo in chiaro. Mai stato cosi facile programmare, testare elavorare: iprogrammi NC creati con smar T.NC sono compatibili con la tradizionale programmazione HEIDENHAIN. Cosi gli esperti del testo in chiaro potranno continuare ad apprezzare le funzioni note ei principianti arriveranno drio alla meta. HEIDENHAIN ITALIANA S.r.l 20128 Milano, Via Asiago 14, Tel. 02 27 07 51, Fax 02 27 07 52 10, www.heidenhain.i e-mail: [email protected] start smar Ri vi st a di al ta te cn ol og ia e op in io ni a co nf ro nt o1 / 2 0 0 5 Sistemi di misura lineariaperti: la precisioneHEIDENHAIN su larga scala Nuovi visualizzatori di quote: tecnologia un passo avanti Reportage EMO 2005 Intervista al campione JURY CHECHI Quando stile ebravura sono una questione di precisione millimetrica Intervista al campione JURY CHECHI Quando stile ebravura sono una questione di precisione millimetrica Heidenhain4_copertina 1-02-2006 10:18 Pagina 2 Punto d'incontro Punto d'incontro 33 32 Sigma di Vigevano (PV) ha esposto un centro di lavoro dotato di cambio pallet comandato da due motori lineari: stiamo parlando di Leader 7P, che ie in grado di effeuare lavorazioni in pendolare oppure, tramite l'unione dei due palle di lavorare in modo automatico pezzi con dimensionifino a 2. 100 x810 mm.Alcuni dati per capire meglio le prestazioni di Leader 7P: velociti assi fino a80 m/min, accelerazioni prossime a1 cambio pallet in 4 secondi, potenza mandrino di 27 k W, coppia di 235 Nm evelociti da15. 000 a28. 000 1'; il magazzino utensili random dispone di 50 posti con tempo discambio trr di 4,5 s.Il controllo numerico pii frequentemente impiegato ie HEIDENHAIN i TNC 530, le cui caraeristiche consentono un impiego oimale sia nel seore degli stampi che in quello della meccanica generale. L'azienda friulana Serrmac di Budoia (PN) si ie presentata alla EMO con un'immagine rinnovata, con nuovi prodoi eha proposto l'inedito brand Serrtech legato ai centri di lavoro. Il centro di lavoro M1 ie compao e dotato di un'ampia area di lavoro; grazie agli studi analitici di progeazione, garantisce un alto livello di resistenza contro le deformazioni meccaniche. Alta precisione e alta velociti di lavorazione sono le caraeristiche di base con avanzamenti in rapido di 60 m/min, accelerazioni fino a0,59 g evelociti di rotazione dell'eleromandrinodi12. 000 rpm. La base, la colonna ela testa interagiscono al meglio, annullando faori di disturbo quali vibrazioni, ariti erisonanze. Il centro di lavoro amontante mobile M1 ie equipaiato con il controllo numerico i TNC 530 che ie stato scelto per le sue caraeristiche di versatiliti , affidabiliti eper le sue performance. In fase di progeazione di tue le parti della fresatrice Diamond, la Parpas di Cadoneghe (PD si ie avvalsa dell'analisi struurale FEM statica, dinamica etermica per garantire la massima rigiditi struurale con un'unica fusione fra basamento tavola emontanti porta traversa. Tui imotori asse eviti aricircolo sono raffreddati a liquido per evitare la trasmissione di calore alle struure della macchina. Lo scorrimento degli assi lineari avviene su due guide del tipo arulli precaricati e contrapposti "monorail", che hanno alta rigiditi , grande capaciti di carico sia statica che dinamica ebassissima usura. Nella scelta del controllo numerico, Parpas si ie orientata ai TNC 530 di HEIDENHAIN che, grazie all'architeura del processore, consente di oenere alte prestazioni nella precisione efedelti del profilo in lavorazione. La fresatrice Estrema, disegnata eprodoa da O.M.V. Officine Meccaniche Venete di Santa Maria di Sala (VE ie una macchina ad alta velociti caraerizzata da un portale aperto a L, breveato. Presenta un'oima rigiditi eun'elevata leerezza nelle sue parti in movimento: tue caraeristiche che le consentono prestazioni dinamiche particolarmente brillanti. L'utilizzo di struure mobili realizzate con materiali all'avanguardia eultraleeri, insieme all'impiego integrale delle motorizzazioni lineari etorque, sono alcuni degli elementi che contribuiscono afar apprezzare questa macchina da una clientela diversificata ed esigente. Il controllo numerico installato ie i TNC 530 HEIDENHAIN di ultimissima generazione per garantire ed esaltare le elevate prestazioni della macchina. Corse utili molto lunghe, interfaccia ascelta, qualiti del segnale costante eversioni con due otre testine di scansione: ecco alcune caraeristiche di questo nuovo prodoo messo apunto da HEIDENHAIN HEIDENHAIN ha perfezionato ipropri sistemi di misura oici modificando il principio della scansione fotoelerica. i stata infai sviluppata una nuova tecnologia di generazione del segnale:la scansione aun seore. Questoprincipio utilizza un'unica grande finestra di scansione, eva gradualmente a sostituire la ben nota tecnologia aquaro seori.Grazie aquesta innovazioneHEIDENHAIN, ie stato possibilemigliorare ulteriormente le prestazioni el'affidabiliti dei sistemi di misura. Tra ivantai dell'utilizzo del nuovo principio di scansione, la minore sensibiliti alle contaminazioni (spruzzi di acqua, polvere, olio, ecc ela maiore qualiti dei segnali di uscita, che asua volta consente unamaiore precisione diposizionamento euna maiore velociti di traslazione. Perch(C) scegliere LC 182Il principio di scansione fotoelerica a un seore ie stato applicato anche ai sistemi di misura lineari assoluti: ie stata infai recentemente presentata la LC 182, realizzata anche in versioni "extra-long", ovvero con corse utili fino a4. 240 mm. Spesso misure lineari "assolute" venivano eseguite da sistemi di misura incrementali con indici di riferimento a distanza codificata, come per esempiola famosa LS 186Grazie al nuovo sistema di misura LC 182, invece, ie ora possibile coprire applicazioni con corsa utile lunga "" anche su motori lineari emacchine utensili HSC per lavorazioni ad alta velociti "" offrendo all'utente la possibiliti di scegliere tra l'interfaccia HEIDENHAIN En Dat ealtre interfacceanuc, MitsubishiPer gli utilizzatori di vecchia data di sistemi di misura incrementali che desiderano invece utilizzare sistemi assoluti, ie sicuramente importantesapere che la LC 182 iemeccanicamente compatibile con la LS 186La LC 182 vanta una qualiti del segnale costante lungo l'intero percorso di misura, risoluzione fino a0,02 m emassima velociti ditraslazione fino a180 m/min.Per corse utili oltre i3. 040 mm iegarantita una velociti di traslazionedi 120 m/min.Macchine con pii di una slia lungo un asse possono essere realizzate, di norma, tramite assi lineari comandati direamente. Esigenze economiche e limiti di spazio rendono in questo caso isistemi di misura assoluti con pii di una testina di scansione la scelta ideale. Proprio per venire incontro aqueste necessiti del mercato, la LC 182 ie disponibile, su richiesta, anche in versioni con due otre testine di scansione. HEIDENHAIN P.A.S.S. - Prodoi 35 LC 182 ie un sistema di misura lineare assoluto con velociti di traslazione fino a 120 m/min UNA PROPOSTA PER ISISTEMI DI MISURA LINEARI ASSOLUTI: LC 182 HEIDENHAIN P.A.S.S. HEIDENHAIN P.A.S.S. Prodoi. Applicativi. Service. Segnalazioni. Prodoi. Applicativi. Service. Segnalazioni. UNA PROPOSTA PER ISISTEMI DI MISURA LINEARI ASSOLUTI: LC 182 "" SISTEMI DI MISURA LINEARI PER PRESSE PIEGATRICI: LA NOVITi i LS 1679 "" TRASDUTTORI DALLE MOLTEPLICI POSSIBILITi: INUOVI ASSOLUTI Ex N 400 EROx 400 "" En Dat: L'INTERFAIA PER SISTEMI DI MISURA CHE RIDUCE ICOSTI EAUMENTA IVANTAGGI "" HEIDENHAIN" SEMPRE UN PASSO AVANTI "" IL SEGRETO PER OTTENERE SEGNALI PERFETTI DAI MOTORI LINEARI STA NEI SISTEMI DI MISURA "" CONTROLLI ANALOGICI? Si, EDI LUSSO "" PERICOLO DI COLLISIONE TRA ICOMPONENTI MAHINA? CON DCM POTETE NON PENSARCI PIi "" LA DIAGNOSTICA DEI SISTEMI ASSOLUTI: IMPARIAMO ACONOSCERE IK 215 EATS "" LA NOSTRA VETRINA WEB SI RINNOVA: BASTA CLIARE SU www.heidenhain.it PER SCOPRIRE COME "" ASCUOLA CON HEIDENHAIN, UNA PROPOSTA FLESSIBILE AOGNI VOSTRA NECESSITi Grazie al nuovo sistema di misura LC 182, ie ora possibile coprire applicazioni con corsa utile lunga "" anche su motori lineari emacchine utensili HSC per lavorazioni ad alta velociti "" offrendo all'utente la possibiliti di scegliere tra l'interfaccia HEIDENHAIN En Dat ealtre interfacce anuc, Mitsubishi HEIDENHAIN, da oltre un secolo sul mercato della precisione edella tecnologia, ie presente da pii di trent'anni in Italia, dove si ie imposta come punto di riferimento nel seore dei sistemi di misura lineari erotativi edei controlli numerici. INFORMATIVA SULLA RAOLTA DATIDesideriamo informar La che idati personali raccolti tramite la compilazione del precedente formulario saranno utilizzati da parte di HEIDENHAIN ITALIANA S.r.l. ai sensi della lee 196/2003 con modaliti automatizzate al fine di permeere l'erogazione del servizio richiesto. Il conferimento del consenso al traamento dei dati personali forniti ie necessario per gli scopi di cui al punto precedente. Qualora idati non venissero comunicati non sari possibile fornire quanto richiesto. TITOLARE ERESPONSABILE DEL TRATTAMENTOTitolare del traamento ie HEIDENHAIN ITALIANA S.r.l. Via Asiago 14 "" 20128 MILANO. Qualunque richiesta relativa alla modifica, correzione, cancellazione dei dati fornitici pui essere indirizzata alla sede sopraccitata. acceo non acceo Nome Cognome Societi Indirizzo CAP Localiti Provincia e-mail Telefono Fax Catalogo generaleEn Dat2. 2 "" L'Interfaccia bidirezionale per sistemi di misuraTrasduori rotativiSistemi di misura per motori elerici Sistemi di misura lineari incapsulati Sistemi di misura lineari per macchine utensili acontrollo numerico Sistemi di misura lineari aperti Informazioni prodoo "" LC 481/LC 491 Informazioni prodoo "" LC 182/LC 192 Sistemi di misura per assi di avanzamento con motori direi Sistemi di misura lineari incapsulati con scansione aun seore Sistemi di misura per motori lineari nell'industria eleronicaAccuratezza di posizionamentoTastatori di misuraSistemi di misura angolariInformazioni prodoo "" ERM 280 MANUALplus 4110 "" Il versatile controllo numerico per torni Data Pilot 4110 "" Programmazione eformazione su PD-ROM Data Pilot 4110CNC PILOT 4290 V.7 Data Pilot 4290 V.7 "" Programmazione eformazione su PD-ROM Data Pilot 4290 V.7Motori HEIDENHAIN i TNC 530 "" Il versatile controllo numerico continuo per fresatrici, alesatrici, foratrici ecentri di lavoro i TNC 530 "" Le nuove funzioni del software NC 340 49x-02 TNC 320 "" Il controllo numerico compao per fresatrici, alesatrici, foratrici TNC 124 "" Il controllo numerico punto apunto per fresatrici, alesatrici, foratriciPosto di programmazione i TNCTele Service INFO CD-ROM Posto di programmazione i TNC con smar T.ND-ROM Presentazione i TNC 530CD-ROM TNC Training Visualizzatori di quote / sistemi di misura lineari per macchine utensili manuali Eleroniche di interpolazione edigitalizzazione Sistemi di tastatura 3D per macchine utensiliCD-ROM Sistemi di tastatura 3DSistemi di calibrazione Chi ha avuto occasione di visitare la EMO 2005 si sari gii accorto che icataloghi HEIDENHAIN sono stati completamente rinnovati. Numerose sono infai le noviti : cosa aspeate asaperne di pii? Compilate questo modulo espeditelo al numero di fax 02 27 07 52 10: vi manderemo dove preferite tua la nostra documentazione pii recente. Heidenhain4_copertina 1-02-2006 10:18 Pagina 4 HEIDENHAIN P.A.S.S. - Prodoi HEIDENHAIN P.A.S.S. - Prodoi 37 36 La testina di leura con cuscinei integrati, l'insensibiliti alle contaminazioni eversioni con corse utili fino a720 mm: ecco la carta d'identiti della LS 1679 HEIDENHAIN presenta il nuovo sistema di misura lineare incrementale LS 1679, appositamente progeato per l'impiego su presse piegatrici acontrollo numerico. La piegatura di lamiere spesse o lunghe richiede infai forze elevate,che possono causare sensibilideformazioni alle struure dellamacchina eai componenti aessaapplicati. La scelta dei sistemi di misura adai per queste applicazioni deve essere pertanto molto accurata: tui isistemi devono garantire ampietolleranze di montaio, purmantenendo un'elevata accuratezza.Ecco perch(C) isistemi di misuradovrebbero essere dotati di sistemi guida supplementari. Una marcia in piiRispeo ad altre soluzioni, il sistema di misura lineare LS 1679 presenta dellecaraeristiche che lo rendonodispositivo preferenziale per le presse piegatrici: dispone infai di unatestina di leura con cuscineiintegrati che scorrono su due guide in acciaio antiusura. Il collegamento della testina al telaio della pressa piegatrice avviene tramite un'appositaasta di accoppiamento con nodisferici. La posizione delle guide assicura una maiore protezione dapolvere esporco.Tali soluzioni consentono di fornirepermanentemente, eanche incondizioni di impiego estreme, la classe di accuratezza di 10 m euna tolleranza di montaio relativamente ampia. Non finisce qui. Il sistema LS 1679 genera inoltre segnali incrementali conun periodo di 20 m, coninterpolazione integrata x5, oppure di 4 m, con interpolazione integrata x25 ed ie disponibile con uno opii indici di riferimento adistanza codificata per corse utili standard fino a470 mm. Su richiesta, HEIDENHAIN pui fornire ai clienti modelli con corse utili fino a 720 mm. La fornitura standard ie completa di uncavo da 3 mo 6 m. La lunghezzamassima del cavo ie di 30 m. Come per tue le righe di misura HEIDENHAIN, la connessione del cavo pui essere effeuata, ascelta, su uno dei due lati della testina di scansione. SISTEMI DI MISURA LINEARI PER PRESSE PIEGATRICI: LA NOVITi i LS 1679 HEIDENHAIN lancia sul mercato nuovi trasduori rotativi che, oltre ariprendere funzionaliti gii apprezzate in altri sistemi, sono stati oeo di numerose migliorie: dalla maiore resistenza alle vibrazioni, alla possibiliti di montaio dell'interfaccia En Dat 2. 2 Dopo il recente restyling dei trasduori rotativi incrementali della serie ERN 400 e ROD 400 ela presentazione della serie Ex N 1300 adaa per l'integrazione su motori, ie ora la volta dei dispositivi assoluti della serie ROx e Ex N400. Come sempre, sono stati soddisfai i pii severi requisiti in termini di resistenza, sicurezza operativa e affidabiliti degli impianti: tui i trasduori rotativi HEIDENHAIN, infai, sono componenti fondamentali per macchine emanipolatori, dal momento che contribuiscono agarantire una notevole sicurezza agli impianti. Prestazioni ecaraeristiche tecnicheoimizzateSono stati auati numerosi miglioramenti, in parte gii presenti in altri sistemi; come gii accade per i trasduori ERN e ROD con uscita cavo, infai, anche Ex N 400 e ROx 400 sono predisposti per vibrazioni fino a 300 m/s 2 nel caso di sistemi monogiro emultigiro: ie quindi pii semplice l'utilizzo di questi strumentianche in condizioni estreme.La particolare esecuzione dell'uscitacavo comune, poi, consente dicollegare il cavo sia in posizione assiale che radiale, allargando cosi le possibili applicazioni del prodoo.Sempre dal punto di vista tecnico, ie stata ridoa anche la lunghezza dimontaio standard per sistemimonogiro emultigiro in versione con flangia Synchro, flangia ainnesto e albero cavo. In particolare, l'albero cavo ora pui essere fissato in modo pii efficiente; ie inoltre disponibile un albero cavo passante anche per isistemi multigiro con diametro fino a14 mm. Il team Ricerca e Sviluppo HEIDENHAIN pensa sempre amigliorare le prestazioni dei prodoi avantaio dell'utente: in quest'oica vanno interpretate la maiore risoluzione assoluta dei sistemi monogiro con 25 bi risultato oenuto grazie all'interpolazione integrata, ela maiore compatibiliti ai campi magnetici dellatrasmissione multigiro (ora sono ammessi campi magnetici fino a30 m T, il triplo rispeo aquanto era possibilenelle precedenti versioniLe noviti non sono finite: ie possibile utilizzare anche per itrasduorirotativi l'interfaccia En Dat2. 2, in alternativa all'interfaccia SSI con senso di rotazione programmabile espostamento punto zero tramite pin del conneore di collegamento (nonch(C) ridoo recovery time TRASDUTTORI DALLE MOLTEPLICI POSSIBILITi: INUOVI ASSOLUTI Ex N 400 EROx 400 Il sistema di misura LS 1679 ie particolarmente indicato per presse piegatrici La posizione delle guide sulla LS 1679 assicura protezione dalle contaminazioni Encoder rotativo con giunto universale montato su lato statore La nuova serie di trasduori rotativi assoluti HEIDENHAIN Ex N 400/ROx 400 I segreti di En DatL'interfaccia En Dat di HEIDENHAIN ie un'interfaccia bidirezionale digitale per sistemi di misura in grado diemeere sia valori di posizioneincrementali eassoluti che diverificare eaiornare leinformazioni memorizzate nel sistema di misura oimpostarne di nuove, utilizzando appena 4 linee del segnale grazie alla trasmissione seriale dei dati. La trasmissione dei dati ie sincrona al segnale di clockpredefinito dall'eleronicasuccessiva. Il tipo di trasmissione (valori di posizione, parametri, diagnosi ecc viene selezionato con comandi "mode", che l'eleronicasuccessiva invia al sistema dimisura. L'interfaccia En Dat trasmee ivalori di posizione ele grandezze fisiche supplementari in sequenza temporale econsente la leura ela scriura della memoria interna alsistema di misura. In particolare, ivalori di posizionepossono essere trasmessi con osenza informazioni supplementari, selezionabili tramite area di memoria eindirizzo. Dopo aver selezionato l'area di memoria, ie possibile leereoscrivere queste informazioni.La funzione di leura escriura di parametri ie ammessa sia comefunzione separata che incombinazione al valore di posizione. Le funzioni di rese ammesse alposto della trasmissione del valore di misura onel corso della stessa,consentono di azzerare leconfigurazioni del sistema di misurain caso di malfunzionamenti. La diagnosi di messa in funzionepermee infine di verificare il valore di posizione gii in stato di riposo. Un comando di test determina la trasmissione dei relativi valori di test da parte del sistema di misura. Se la disponibiliti di queste funzioni non bastasse per apprezzare En Da ose si desiderano ulteriori informazioni, il sito www.heidenhain.it pui essere un punto di partenza per l'approfondimento: ie sufficiente entrare nelle sezioni Fondamenti o Portale per la documentazione perscaricare tue le caraeristichetecniche ele funzionaliti di En Da Imotivi di una scelta vincenteCon En Da si pui realizzare il sognoproibito di diminuire icosti eaumentare la standardizzazione.Oimizzazione dei costi,potenziamento della qualiti , performance pii elevate, aumento della sicurezza einterfaccia ideale per tue le tipologie di impianti: ecco iprincipali vantai resi realti .L'utilizzo di un'interfaccia standard, un'eleronica molto semplice, unatensione di alimentazionesemplificata epii economica, le connessioni el'uso dei cavi standardcon un cablaio ridoo sono tuecaraeristiche che permeono di eliminare una buona fea di spesa, senza peri rinunciare all'efficienzadel sistema di misura. La messa in funzione di un asse elerico in un sistema pui essere automatizzata, grazie alla capaciti di memorizzare tue le informazioni rilevanti nel sistema di misura ealla presenza di diagnosi con allarmi ed eventuali avvertimenti analizzabilinell'eleronica successiva.Queste caraeristiche, insieme alCyclic Redundance Checkarantiscono la sicurezza desideratain fase di trasmissione dati epermeono cosi l'utilizzo di En Dat2. 2 su macchinari con elevatirequisiti di sicurezza. En Dat2. 2 vs En Dat2. 1La versione estesa dell'interfacciaEn Dat2. 2 ie compatibile alla versioneprecedente2. 1 alivello di comunicazione, blocchi di comando Chi utilizza isistemi di azionamento digitali ei loop chiusi con encoder di posizione per il rilevamento di valori misurati conosce bene l'importanza del rapido ecorreo funzionamento dei sistemi di misura. In particolare, idati devono essere trasferiti velocemente ein regime di sicurezza. Proprio per questo, gli strumenti di misura devono avere routine integrate di localizzazione errori eoffrire soluzioni diagnostiche. Un'interfaccia bidirezionale per sistemi di misura come En Dat di HEIDENHAIN offre numerose garanzie. La sicurezza del sistema ie infai molto elevata e con En Dat ivalori di posizione sono disponibili in poco pii di 10 s. HEIDENHAIN P.A.S.S. - Prodoi HEIDENHAIN P.A.S.S. - Prodoi 39 38 Trasmissione veloce dei dati ed elevata sicurezza di trasferimento: due requisiti indispensabili per l'efficienza dei moderni sistemi di misura. Con En Dat 2. 2 la trasmissione seriale edigitale dei dati garantisce sicurezza eoime performance En Dat: L'INTERFAIA PER SISTEMI DI MISURA CHE RIDUCE ICOSTI EAUMENTA IVANTAGGI Schema trasmissione dati nei due protocolli En Dat Tensione di alimentazione 5 Vdc CLOCK 8 MHz DATA Valori di posizione, parametri, spostamento punto zero, targhea di identificazione eleronica, diagnosi, manutenzione" GTrasmissione valori di posizione G Selezione dell'area di memoria GRicezione parametri GTrasmissione parametri GRicezione reset 1) GTrasmissione valori di test GRicezione comandi di test GTrasmissione valori di posizione con informazioni aiuntive GTrasmissione valori di posizione ericezione selezione area di memoria 2) GTrasmissione valori di posizione ericezione parametri 2) GTrasmissione valori di posizione etrasmissione parametri 2) GTrasmissione valori di posizione ericezione reset 2) GTrasmissione valori di posizione ericezione comandi di test 2) GRicezione comando di comunicazione 3) 1) stessa reazione all'accensione eallo spegnimento 2) trasmissione anche delle informazioni aiuntive selezionate 3) riservato per sistemi di misura che non supportano il sistema di sicurezza En D at2. 1 En D at2. 2 In questa breve panoramica, ricordiamo anche il sistema di misuraLB 382 adao all'impiego sumacchine soee aforti vibrazioni econ assi di lunghezza considerevolefino aoltre i30. 000 mm, ma che richiedono comunque un grado diaccuratezza di 5 m sulposizionamento.Per sfruare pienamente lepotenzialiti dei sistemi di misuraHEIDENHAIN, ci vuole poi unvisualizzatore performante. Le dueproposte HEIDENHAIN sonol'ND 780 eil PT 880. ND 780: la soluzione per sistemifino atre assiIl visualizzatore ND 780, gii premiato alla International Forum Industry design competition 2005 per la sua ergonomiciti eper gli alti standard qualitativi, rappresenta la soluzione oimale per qualsiasi utilizzo. L'ND 780, infai, ie in grado di eseguire lavorazioni sia su torni, aiutando l'operatore con dei cicli pre-impostati (calcolo della coniciti , definizione della velociti mandrinorapportata alla velociti diavanzamento dell'asse ealla quantiti di materiale da asportare sia su fresatrici, con programmi pre-impostati per la realizzazione di matrici di fori, odi forature su circonferenze. Tue queste funzionivengono riportate sul displaymonocromatico di generosedimensioni tramite unarappresentazione grafico/numerica. Caraeristiche principali delvisualizzatore ND 780 sono:" possibiliti di collegare fino atre sistemi di misura (segnale 11 APP ; 1 VPP ; lineari/angolari) " uscite di commutazione per gli assi" 10 origini selezionabili" 16 utensili memorizzabili" ingresso tastatore" porta seriale " possibiliti di aiornare il software via porta seriale RS-232- araverso il sito www.heidenhain.de. Dulcis in fundo: PT 880 Il PT 880 ie un visualizzatore universale progeato per fresatrici, alesatrici etorni con un massimo di 6 assi collegabili contemporaneamente. Le funzioni pre-impostate per tornio efresatrice vengono riportate sul display acolori di grandi dimensioni. Questo visualizzatore si presentacome il prodoo di puntaHEIDENHAIN, in quanto ie interfacciabile con isistemi assoluti interfaccia En Dat angolari, rotativi o lineari. Utilizzando questi encoder, la messa in servizio del visualizzatore risulta alquanto facilitata: il PT 880 ieinfai in grado di eseguireun'autoparametrizzazione degli assisemplicemente "leendo"l'etichea eleronica trasmessa dal dispositivo collegato. Particolarmente interessante ie poi la possibiliti di collegare una consolle remotata (consigliabile su macchine di grandi dimensioni in modo da avere una seconda stazione di lavoro in un'altra posizione della macchina. Le caraeristiche salienti del PT 880: " possibiliti di collegare fino a sei sistemi di misura " 99 origini selezionabili" 99 utensili selezionabili" modaliti programmazione (editing / prova programma) " visualizzazione grafica bidimensionale " diagnostica assi " possibiliti di caricare programmi via seriale fino a999 blocchi " possibiliti di aiornare il software via seriale RS-232- araverso il sito www.heidenhain.de. della collaudata LS 303 guadagnatasi la stima di tui gli operatori di seore in anni di lavoro. Le caraeristiche pii apprezzate della LS 303C erano le ridoe dimensioni el'elevata accuratezza. Questecaraeristiche sono state riprese dal nuovo prodoo LS 388 che risulta intercambiabile meccanicamente conla LS 303Ivantai introdoi da questo nuovosistema di misura sono:" maiore resistenza alla contaminazione (nuovo sistema di scansione afinestra singola) " migliore segnale di uscita (1 VPP sinusoidale in tensione) " riduzione dei cablai (cavo 12 poli con singola schermatura La LS 388C va acompletare una gamma di prodoi vasta eadaa aogni tipo di applicazione. Per applicazioni tipiche su macchine utensili manuali quali lavorazioni di fresatura etornitura sono sufficienti passi di visualizzazione di 10 m o 5 m. In questo caso isistemi di misura lineari idonei sono appunto le LS 388C ele gii famose LS 603, dotate di un'accuratezza migliore di 10 m per ogni metro di traslazione.Invece, macchine di misura acoordinate, reificatrici, nonch(C) sistemi di misurazione econtrollo,richiedono di norma passi divisualizzazione di 1 m einferiori. Isistemi di misura lineari idonei per questi requisiti elevati sono le LS 186C ele LS 487 chepresentano accuratezze tipiche di 5 m per ogni metro di traslazione. HEIDENHAIN P.A.S.S. - Prodoi HEIDENHAIN P.A.S.S. - Prodoi 43 42 POSITIP 880 ha numerose funzioni supplementari rispeo agli altri visualizzatori di quote Sistemi di misura lineari HEIDENHAIN aconfronto ND 780 ie il nuovo visualizzatore di quote HEIDENHAIN, adao per i sistemi con un massimo di tre assi 10 m, 5 m LS 388C 1 VPP 10 m fino a 1. 240 mm sistema di misura lineare con carter di sezione miniaturizzata per montaio in spazi ridoi LS 603C 11 APP 10 m fino a 3. 040 mm sistema di misura lineare universale 1 m, 0,5 m LS 487C 1 VPP 5 m fino a 1. 240 mm sistema di misura lineare 3 m solo con guida di montaio: con carter di sezione miniaturizzata fino a 2. 040 mm per montaio in spazi ridoi LS 186C 1 VPP 5 m fino a 3. 040 mm sistema di misura lineare universale 3 m 10 m, 5 m, 1 m LB 382C 1 VPP 5 m fino a 30. 040 mm sistema di misura lineare per corse utili lunghe Passo di misura Tipo Classe di Corse utili consigliato accuratezza i stato dimostrato che il sistema di misura lineare del tipo LIDA genera disturbi quasi imperceibili nellacorrente eil motore funzionasilenziosamente sviluppando unaridoa quantiti di calore.Un trucco per l'oimizzazione dei segnali di posizione ie poi l'utilizzo di filtri digitali. Anche in questo caso, peri, la perdita di fase determinata dal filtraio dell'anello chiuso di velociti deve essere mantenuta al minimo. L'ulteriore vantaio nellascelta di sistemi di misura diposizione che garantiscono un'elevata qualiti del segnale ie il fao che si pui ridurre al minimo l'utilizzo dei filtri. Il segreto del sistema di misura idealeQuali sono le caraeristiche che rendono affidabile ed efficiente unsistema di misura lineare? Per gli azionamenti direi, risulta molto importante il sistema di scansione: in particolare, isistemi di misura con principio di scansione fotoelerico consentono di sooporre ascansione graduazioni estremamente fini. Un altro presupposto per garantire minimi errori di interpolazione, quindi silenziositi nel funzionamento ed elevati guadagni dell'anello chiuso, ie la presenza sui sistemi di misura di struure regolari, ograduazioni, nitide eomogenee. i proprio per soddisfare questo requisito che isistemi di misuraHEIDENHAIN con scansione oicaimpiegano supporti di misura con graduazioni che possono avere passi anche inferiori a1 m. Come materiale di supporto HEIDENHAIN utilizza substrati in vetro oacciaio; grazie all'acciaio, infai, ie possibile oenere corse utili molto pii lunghe del consueto. Non soovalutiamo isupporti dimisuraAnche isupporti di misura, infai, svolgono un ruolo cruciale nell'efficienza dei motori direi. Nei sistemi di misura lineari aperti, il supporto di misura ie esposto per natura auna sollecitazioneelevata: proprio per questoHEIDENHAIN impiega graduazioni L'industria eleronica ei sistemi di automazione richiedono ogni anno macchine sempre pii precise eveloci per poter soddisfare iseveri requisiti di miniaturizzazione, qualiti ecosti di produzione imposti dal mercato. In questo contesto, l'utilizzo dei motori lineari ie considerato una garanzia dagli esperti. Solo imotori lineari, infai, possono vantare probabiliti di usura enecessiti di manutenzioneestremamente ridoe econsentono di aumentare notevolmente la produiviti . Perch(C) questo avvenga, peri, un ruolo cruciale ie svolto dalla qualiti del controllo numerico, del motore, dellastruura della macchina edeltrasduore di posizione edi velociti . L'efficienza dei motori lineari ie quindi inscindibilmente collegata al sistema di misura scelto: in particolare, i sistemi di misura con scansione oica offrono numerosi vantai in termini di precisione, silenziositi ecomportamento termicodell'azionamento direo.Tui ideagli sono importanti: dai supporti di misura al principio di misuraedi scansione, fino al tipo digraduazione previsto. Per la lorocompaezza eleerezza sonopreferibili isistemi di misura lineari aperti, come quelli delle serie LI LIP eLIDA di HEIDENHAIN, ideali perl'impiego su macchine precise eveloci utilizzate nell'industria eleronica. Qualiti del segnale esistemi di misuraNei motori direi non ci sono trasduorirotativi supplementari per lamisurazione della velociti : la posizione e la velociti sono allora rilevate da sistemi di misura lineari per motori lineari eda sistemi di misura angolari per motori direi rotativi. In pratica, la velociti viene determinata sulla base della corsa eseguita per uniti di tempo. Questo metodo di rilevamento della velociti , peri, pui amplificare idisturbi del segnale. Qui nascono iprimi problemi. Una caiva qualiti del segnale, infai, potrebbe causare eccessive vibrazioni della macchina, rumorositi del motore eformazione supplementare di calore. Tui disagi che, per fortuna, oi sipossono evitare scegliendo unopportuno sistema di misura. La qualiti del segnale ie infaiinfluenzata notevolmente dalsistema di misura utilizzato.I moderni sistemi di misura consentono di rilevare la posizione incrementale o assoluta: l'informazione sul percorso viene convertita nel sistema di misura in due segnali sinusoidali sfalsati di 90. La scansione incompleta, lacontaminazione del supporto di misura el'insufficiente elaborazione delsegnale possono comportare ladeviazione dei segnali dalla forma sinusoidale ideale; in tal caso, durante la fase di interpolazione si rileva un errore di posizione periodico definito "errore di posizione nell'arco di un periodo del segnale" o, pii intuitivamente, "errore di interpolazione". Nei sistemi di misura di elevata qualiti l'errore di interpolazione non supera l'1-2% delperiodo del segnale. Un errore di interpolazione elevato pui essere causa di una sgradita rumorositi del motore, odel suo surriscaldamento: ecco perch(C) ie importante lavorare con sistemi che garantiscano la migliore qualiti dei segnali di posizione. HEIDENHAIN P.A.S.S. - Applicativi HEIDENHAIN P.A.S.S. - Applicativi 45 44 HEIDENHAIN fornisce una vasta gamma di sistemi di misura lineari che, grazie alle loro caraeristiche tecniche, sono specificatamente indicati per gli azionamenti direi impiegati nell'industria eleronica IL SEGRETO PER OTTENERE SEGNALI PERFETTI DAI MOTORI LINEARI STA NEI SISTEMI DI MISURA Isistemi di misura lineari aperti LIDA, LIP e LIF sono perfei per imotori lineari da impiegare nell'industria eleronica Il segnale viene convertito dal siste- ma di misura in due onde sinusoidali sfalsate di 90. L'errore di interpola- zione che si misura su tale segnale pui dipendere da diversi faori Il confronto degli effei di sistemi di misura lineari con errori di interpolazione ridoi (A) ed elevati sulla corrente di un motore lineare soolinea l"importanza dell"elevata qualiti dei segnali di posizione Se aumentano gli errori di interpolazione causati da una taratura errata, si possono verificare notevoli fenomeni di disturbo nella corrente del motore, con conseguente aumento della rumorositi edel calore generati nel motore. In figura A, comportamento di un motore lineare eregolazione sul sistema di misura nel caso di ridoi errori di interpolazione; in figura nel caso di elevati errori di interpolazione AB Nell'arco di tuo l'anno HEIDENHAIN ITALIANA organizza, anche su richiesta, corsi rivolti atui icostruori, i retrofiatori egli utilizzatori finali cheoperano con inostri prodoi. Tra gli obieivi principali, formare una conoscenza completa eapprofondita nel seore della programmazione per il controllo numerico, fornire informazioniutili per la manutenzione elaconfigurazione delle macchine edei controlli numerici efacilitare il lavoro dichi utilizza il linguaio diprogrammazione PLC HEIDENHAIN. Informazioni tecnicheIn particolare, due corsi sono dedicatispecificatamente all'uso eallaprogrammazione del TNC (TNC 001 eTNC002) euno (smar T.N al nuovomodo operativo i TNC530. "smar T.NC" ie un nuovo nato nella famiglia dei corsi HEIDENHAIN: ie rivolto atui coloro che gii conoscono ifondamenti della programmazione standard in testo inchiaro. MAN 001 e MIS 001 sono icorsidedicati, rispeivamente, allamanutenzione ealla messa in servizio dei TNC digitali, mentre PLC TOOL ePLC 001 permeono di conosceremeglio l'ambiente di sviluppo eillinguaio di programmazione PLLa durata dei corsi va dai 2 ai 5 giorni eil costo ie variabile; si svolgonopresso la sede HEIDENHAIN di Milano oppure presso l'ufficio tecnicodi Noale (VEPer esigenze particolari, vengono organizzati corsi personalizzati per i quali durata, argomenti esede sono concordati direamente con iclienti edefiniti in base alle loro esigenze. Per informazioni oiscrizioni, potete rivolgervi al numero +39 02 27 07 52 55 oall'indirizzo mail [email protected] Il calendario aiornato dei corsi eil modulo di iscrizione sono disponibili anche sul sito www.heidenhain.i nella sezione Servizi. Forse qualcuno avri gii scoperto che il sito italiano di HEIDENHAIN non ie pii lo stesso. Inostri web designer, infai,hanno studiato una nuovaimpaginazione, pii intuitiva elineare, che sari presto adoata da tue le filiali HEIDENHAIN eche ricalcal'Home page della Casa Madre,www.heidenhain.de. FAQ e Newsleer: strumentiindispensabili per itecniciNella sezione Servizi due gradite sorprese aspeano inostri clienti: sono state raccolte, soo la voce FAQ, le domande che pii frequentemente vengono rivolte ai nostri tecnici e viene offerta achi lo desidera la possibiliti di iscriversi auna newsleer periodica. Araverso le FAQ, gli operatori TNCacquisiranno nuove conoscenzesulla programmazione dei controllinumerici esaranno in grado ditrovare da soli le soluzioni agli eventuali problemi incontrati nelcorso del lavoro, senza doverrichiedere easpeare l'intervento dei nostri tecnici. Uno strumento per guadagnare tempo eper conoscere sempre meglio il mondo dei controllinumerici.Per coloro che invece si occupano dellaprogeazione delle macchine edesiderano rimanere informati sul PLC HEIDENHAIN, ie stata istituita la Newsleer Application.Periodicamente, questa newsleer proporri approfondimenti tecnici legati agli strumenti del PLC suinostri CN, offrendo preziosisuerimenti per poter sfruare al meglio tue le loro potenzialiti .i sufficiente iscriversi nell'apposita sezione per ricevere la newsleer direamente nella propria casella diposta eleronica, senza nemmenodoversi ricordare di andarla acercare sul sito. Un'offerta ormai collaudataNiente paura: anche chi ormai si era abituato alle numerose funzionaliti offerte dalla versione precedente del sito, non rimarri deluso. Oltre alle sezioni pii istituzionali einformative (Societi infai, sul sito si possono ancora trovare le informazioni sui nostri prodoi, sui nostri cataloghi esulle nostre pubblicazioni nella sezione Prodoi eapplicazioni enel Portale della documentazione presente nella sezione Servizi. Come sempre, c'ie anche la possibiliti di iscriversi ai corsi direamente dal sito, odi consultare l'intera offerta formativa eil calendarioall'interno del Portale dellaformazione, soo la voce Corsi. HEIDENHAIN ie adisposizione anche dei navigatori pii esigenti ecuriosi, che vogliono interagire direamente con noi: sono infai adisposizione dei clienti anche specifici indirizzi e-mail a cui rivolgersi per ricevere informazioni e assistenza. Per le domande generiche, [email protected] per richiedere informazioni sulla documentazione [email protected] per ricevere chiarimenti sui corsi, invece, [email protected] HEIDENHAIN P.A.S.S. - Segnalazioni HEIDENHAIN P.A.S.S. - Segnalazioni 55 54 Tre importanti noviti per il sito della nostra azienda, una nuova veste grafica edue nuove sezioni pensate in particolare per gli operatori TNC: le FAQ requently Asked Questions) ela Newsleer Application, con numerosi approfondimenti tecnici AMilano, a Noale, in Germania, in tuo il mondo, odireamente presso la vostra sede: icorsi HEIDENHAIN vi raiungono dove vi ie pii comodo. Insegnanti qualificati saranno avostra disposizione: vi introdurranno ai sistemi di misura, ai controlli numerici ealla loro programmazione LA NOSTRA VETRINA WEB SI RINNOVA: BASTA CLIARE SU www.heidenhain.it PER SCOPRIRE COME ASCUOLA CON HEIDENHAIN, UNA PROPOSTA FLESSIBILE AOGNI VOSTRA NECESSITi Sul sito rinnovato www.heidenhain.i oltre ad alcune importanti noviti , troverete comesempre informazioni sui nostriprodoi, sui nostri corsi esulle fiere acui parteciperemo Per chi non si accontenta, c'ie ora anche la possibiliti di iscriversi, direamente sul sito, alla Newsleer Application periodica Al fianco del cliente con icorsi HEIDENHAIN corso/mese Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maio Giugno TNC 001 23-27 3-7 26-30 TNC 002 20-21 smar T.NC MAN 001 6-9 22-25 PLC 001 16-19 5-8 PLC TOOL 6-8 19-21 MIS 001 13-15 8-10 Luglio Agosto Seembre Oobre Novembre Dicembre TNC 001 11-15 20-24 TNC 002 16-17 smar T.NC 10-11 18-19 MAN 001 2-5 PLC 001 6-9 PLC TOOL 25-27 MIS 001 17-19 13-15 Calendario corsi 2006 1 semestr e2 semestr e

    Details

    • Title: untitled
    • Producer: Acrobat Distiller 6.0.0 for Macintosh
    • CreationDate: Mon Jan 23 12
    • ModDate: Fri Feb 3 12
    • Tagged: no
    • Pages: 33
    • Encrypted: no
    • Page size: 1135 x 798 pts
    • File size: 1769036 bytes
    • Optimized: no
    • PDF version: 1.5